Pubblicato: lun, 17 Mar , 2014

La Crimea pronta all’annessione, Obama minaccia Putin

L’esito del referendum sancisce la prossima annessione della Crimea alla Russia, dagli Usa Obama dichiara la votazione illegale e prevede sanzioni in merito

ref crimea01Vittoria schiacciante per l’annessione alla Russia, che ha visto favorevole il 96% degli elettori della Crimea. Da questa mattina le autorità hanno messo in moto il nuovo e prevedibile processo di unificazione: il Parlamento di Sinferopoli ha annunciato l’indipendenza dall’Ucraina e l’imminente annessione alla Russia, proclamando anche la nuova moneta, il rublo russo, che circolerà parallelamente alla grivna ucraina sino al gennaio 2016.

Il referendum di ieri, accusato di essere la negazione del principio democratico stesso, ha suscitato le rimostranze non solo dell’Ucraina, ma anche della comunità internazionale. Il Presidente ucraino ad interim Oleksandr Turchinov ha reagito contro la ”farsa” del referendum facendo approvare una mobilitazione parziale per affrontare l’ingerenza russa in territorio considerato ancora ucraino. A fare eco al Presidente è stato il Ministro della Difesa Igor Tenioukh, che ha annunciato alle milizie ucraine in Crimea di rimanere a presidiare il territorio in attesa di altri 40mila militari, che si recheranno in loco a partire da domani mattina.

A parlare per conto dell’UE è Catherine Ashton, condannando l’illegittimità del referendum e dichiarando la volontà degli europei di non agevolare l’escalation russa in territorio ucraino, messaggio già espresso forte e chiaro in varie occasioni, ma del tutto ignorato da Mosca. Per contro, Kiev ha riallacciato i rapporti diplomatici con l’UE, lasciando intendere l’imminente avvio dei lavori per l’ingresso in Europa.

L’accusa più pesante nei confronti dell’accaduto in Crimea proviene dagli Stati Uniti, che per voce di Obama hanno condannato duramente il referendum. Il Presidente ha contattato nella serata di ieri Vladimir Putin, ribadendo la violazione della sovranità nazionale che la Russia stava perpetrando a scapito di Crimea e Ucraina, atto illecito aggravato da un referendum non riconosciuto dalla Costituzione ucraina stessa. Obama ha successivamente annunciato che i legami con la Russia e la Crimea possono essere ancora risolti per via diplomatica, ma non esclude un sistema di sanzioni coordinate con il resto dell’Europa nei confronti di Mosca.

Di

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

Sciolti per mafia i comuni di Anzio e Cosoleto, commissariato Nettuno

23 novembre 2022, Commenti disabilitati su Sciolti per mafia i comuni di Anzio e Cosoleto, commissariato Nettuno

Succede qualcosa a sinistra?

21 novembre 2022, Commenti disabilitati su Succede qualcosa a sinistra?

Muri, barriere e filo spinato, tra speranza e disumanità organizzata

18 novembre 2022, Commenti disabilitati su Muri, barriere e filo spinato, tra speranza e disumanità organizzata

un latitante in cambio delle riforme del codice penale

14 novembre 2022, Commenti disabilitati su un latitante in cambio delle riforme del codice penale

Ballarò contro il narcotraffico e lo spaccio 

6 novembre 2022, Commenti disabilitati su Ballarò contro il narcotraffico e lo spaccio 

Video

Service Unavailable.