Pubblicato: ven, 27 Dic , 2013

Palermo, ultimi giorni per Gesip

Si cerca una soluzione in extremis per salvare i lavoratori dalla chiusura della società partecipata

 

Gesip-in-piazzaArriva l’anno nuovo e potrebbe chiudersi, in maniere nefasta per i lavoratori, la telenovela Gesip. L’azienda, di totale proprietà del Comune di Palermo, qualora non si raggiungerà un accordo tra le parti il 2 gennaio farà partite le lettere di licenziamento per i 1740 lavoratori.

Alla vigilia di Natale sembrava che si fosse arrivati ad una svolta positiva. Il Comune era riuscito a strappare un’intesa con Ministero, Inps, Regione Siciliana e Italia Lavoro per la prosecuzione della cassa integrazione. A tal fine l’amministrazione comunale aveva stanziato per il 2014 20 milioni, in luogo dei 14 di quest’anno, per integrare il salario dei dipendenti in modo da far percepire loro poco meno di quanto previsto e permettere, inoltre, di arrivare a soluzioni di riduzione del personale indolori quali i pensionamenti, fermo restando le possibilità di fuoriuscita volontaria dal bacino Gesip per tutti coloro i quali vorranno e potranno sperimentare soluzioni alternative.

Il mancato accordo con i sindacati ha però mandato in fumo il piano di Orlando che aveva ottenuto l’avallo delle altre istituzioni. Secondo le sigle sindacali i lavoratori si troveranno a percepire circa 500 euro già da metà anno e senza garanzie per il futuro, la risposta del Sindaco non si è fatta attendere denunciando «l’azione sistematica di disinformazione» dei sindacati  e «ribadendo per l’ennesima volta che le condizioni della cassa integrazione sono esattamente le stesse delle attuali e quindi 860 euro mensili».

Ad aggravare la situazione è il breve tempo a disposizione. Solo un accordo nelle prossime ore potrebbe scongiurare la perdita totale del reddito per le circa 2000 famiglie coinvolte. A questo riguardo, oggi, il Sindaco ha inviato una lunga nota con la quale, dopo aver ricostruito integramente la vicenda Gesip dal 2001, ha invitato gli attuali commissari liquidatori della società a tutelare i lavoratori ricorrendo alla CIG in deroga in modo da dare il tempo per trovare una soluzione, queste le parole conclusive dell’appello di Leoluca Orlando: «È indispensabile che i lavoratori non fuoriescano dal bacino attuale. Occorre raggiungere la definizione avanti l’Ufficio del Lavoro, della Cassa integrazione in deroga, unico mezzo per bloccare la procedura di licenziamento in corso ed evitare quindi che si interrompano le misure a sostegno del reddito dei lavoratori Gesip.».

Che si arrivi ad una soluzione della vicenda Gesip lo sperano anche tutti i palermitani. Aldilà della comprensibile e giusta preoccupazione dei lavoratori, sulle cui procedure di assunzione però sono stati sollevati negli anni molti dubbi, non bisogna scordare che la società è costata ai contribuenti, in 13 anni, svariate decine di milioni e per giunta, oltre al danno la beffa, i servizi resi sono spesso stati insufficienti o nulli, confermando la logica clientelare di questa e di altre società partecipate. Alla fine si rischia che le uniche vittime siano i licenziati, illusi e abbandonati senza mezzi di sostentamento, e tutti gli altri cittadini, privati di servizi e risorse per anni.

Di

- Appassionato di storia, politica, sport e comunicazione. Fondatore di 221 Ideas

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

L’emancipazione femminile in Valdarno

22 febbraio 2018, Commenti disabilitati su L’emancipazione femminile in Valdarno

Conferenza sulla Costituzione all’Istituto “Giorgio Vasari” di Figline Valdarno

13 febbraio 2018, Commenti disabilitati su Conferenza sulla Costituzione all’Istituto “Giorgio Vasari” di Figline Valdarno

L’economia valdarnese

8 febbraio 2018, Commenti disabilitati su L’economia valdarnese

A lezione di legalità con Ferdinando Guarino, già questore di Enna.

5 febbraio 2018, Commenti disabilitati su A lezione di legalità con Ferdinando Guarino, già questore di Enna.

Internet più sicura per i ragazzi? Al via la giornata internazionale

4 febbraio 2018, Commenti disabilitati su Internet più sicura per i ragazzi? Al via la giornata internazionale

Video


Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: Entity: line 1: parser error : Start tag expected, '<' not found in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: No longer available in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: ^ in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Service Unavailable.