Pubblicato: gio, 15 Mag , 2014

Electrolux: Trovato l’accordo, oggi la firma a Palazzo Chigi

Salvi salari e lavoro per un investimento da 150 milioni di euro

Il rischio era la chiusura di tutti e quattro gli stabilimenti italiani con conseguente abbandono del nostro paese da parte del colosso svedese dell’elettrodomestico, ma dopo nove mesi di trattativa e 150 ore di sciopero l’accordo è stato finalmente raggiunto e nel pomeriggio verrà ufficializzato dal governo. Electrolux si impegnerà a mantenere aperti i quattro stabilimenti italiani di Susegana (Treviso), Solaro (Milano) e Forlì, compreso quello più fragile e discusso di Porcia (Pordenone) con un investimento da 150 milioni che, garantirà i salari e soprattutto eviterà i temuti licenziamenti di cui si era discusso tanto durante i nove mesi di negoziato. Di contro il colosso svedese otterrà una sensibile diminuzione del costo del lavoro e del prodotto grazie alla decontribuzione dei contratti di solidarietà, alla maggiore flessibilità, ad un sostanziale aumento della produzione e al sostegno per l’innovazione. Puntuali le dichiarazioni post intesa, per il ministro dello sviluppo, Federica Guidi, «è un accordo straordinario che dimostra come nel nostro paese sia ancora possibile produrre, investire e soprattutto mantenere i livelli occupazionali».

«Una soddisfazione immensa e seimila persone possono finalmente tirare un sospiro di sollievo» aggiunge Teresa Bellanova, sottosegretario al lavoro. Uniti i presidenti delle 4 regioni coinvolte nel sottolineare come, dopo un lungo tira e molla si è finalmente giunti ad un buon accordo per tutti; mentre dal fronte dei sindacati il segretario generale della Fiom, Maurizio Landini, sottolinea come i soldi pubblici vadano spesi a favore delle aziende che investono, non licenziano, non delocalizzano e non chiudono. non manca una vena polemica da parte del segretario generale Cisl, Raffaele Bonanni, che spiega : «è stata chiusa una vertenza simbolo che dimostra, a tutti i populisti d’Italia, come nel sindacato ci siano energie persino migliori di quelle della politica».

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

Cavriglia, il territorio dell’ex miniera

16 novembre 2017, Commenti disabilitati su Cavriglia, il territorio dell’ex miniera

impertinenteMente

14 novembre 2017, Commenti disabilitati su impertinenteMente

Un prete che ha fatto il voto di povertà

13 novembre 2017, Commenti disabilitati su Un prete che ha fatto il voto di povertà

Per non dimenticare: la lunga ombra del Divo

10 novembre 2017, Commenti disabilitati su Per non dimenticare: la lunga ombra del Divo

“Prendere atto della realtà”

10 novembre 2017, Commenti disabilitati su “Prendere atto della realtà”

Video


Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: Entity: line 1: parser error : Start tag expected, '<' not found in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: No longer available in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: ^ in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Service Unavailable.