Pubblicato: mer, 12 Feb , 2014

Tesoro di Hitler, trovate altre sessanta opere

I quadri si aggiungono a quelli recuperati a Monaco di Baviera a novembre

La collezione privata di casa Gulritt è ancora più vasta di quanto si potesse pensare. Dopo lo straordinario ritrovamento avvenuto lo scorso novembre nella sua abitazione di  Monaco di Baviera,  in  seguito al quale erano state rivenute ben 1500 opere d’arte rubate ai tempi del regime nazista,  ieri ne sono state ritrovate altre sessanta.

I capolavori ritrovati a Monaco facevano  parte di quella che durante il Terzo Reich era stata definita “arte degenerata” ovvero opere moderne o astratte che Hitler riteneva avessero caratteristiche devianti attribuite alla “corruzione ebrea” che potevano influenzare negativamente i cittadini. Pertanto erano state sequestrati dai musei tedeschi tra il 1937 ed il 1938.

Tra i quadri che  l’81enne figlio dello storico mercante d’arte  Hildebrand Gurlitt, nascondeva nella sua casa di Salisburgo ci sarebbero anche dipinti di Monet, Picasso e Renoir.  A rivelarlo è stata l’agenzia di stampa tedesca Dpa citando come fonte  Stephan Holzinger, portavoce del collezionista, il quale ha tenuto a precisare che le opere sono già state messe al sicuro.

Holzinger ha anche aggiunto che, su richiesta di Gurlitt, le opere saranno esaminate da un gruppo di esperti per determinare se anch’esse facciano parte del gruppo di capolavori razziati durante la guerra. Stando da un primo esame questo sospetto è ancora da confermare. Le indagini nei confronti di Gurlitt, che risulta in custodia da almeno un anno, erano iniziate nel 2011 quando era stato fermato nel tentativo di portare denaro contante in Svizzera. Successivamente le autorità tedesche avevano fatto irruzione nel suo appartamento a Monaco riportando alla luce le opere d’arte trafugate dai nazisti.

Di

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

L’appello – I compagni di Giuseppe Di Matteo

28 maggio 2024, Commenti disabilitati su L’appello – I compagni di Giuseppe Di Matteo

UNA STRADA PER IL SUD

26 maggio 2024, Commenti disabilitati su UNA STRADA PER IL SUD

LE MAFIE SONO UNA REALTÀ DEVASTANTE CON CUI FARE I CONTI, ANCHE IN TOSCANA

19 aprile 2024, Commenti disabilitati su LE MAFIE SONO UNA REALTÀ DEVASTANTE CON CUI FARE I CONTI, ANCHE IN TOSCANA

CON LA POVERTA’ CRESCONO ANCHE LE MAFIE

28 marzo 2024, Commenti disabilitati su CON LA POVERTA’ CRESCONO ANCHE LE MAFIE

L’anno che verrà si celebra a Crotone

30 dicembre 2023, Commenti disabilitati su L’anno che verrà si celebra a Crotone

Video

Service Unavailable.