Pubblicato: mer, 30 Ott , 2013

Un caffè fin troppo caro

Arrestato a Ballarò un ricercato di origini marocchine. A tradirlo: l’irrefrenabile desiderio di una tazzina al bar

ballaro04Quando si parla di latitanti e criminali si dice sempre che a metterli nei guai siano donne e affari. Questa volta, invece, è stato un semplice caffè! Chi sa se al cittadino marocchino Mazi Omar, il vizio, dopo questa esperienza (almeno quello del caffè, si intende) sia passato.

Lunedì pomeriggio, infatti, il signor Mazi, incurante d’avere un provvedimento di rintraccio per un fine pena di oltre due anni, decide di fare un break al bar “Marocco”, notoriamente frequentato da poliziotti e carabinieri. Incoscienza o forse semplicemente imprudenza. Fatto sta che proprio uno di questi, guarda caso un agente della sezione criminalità straniera della squadra mobile, lo riconosce: ha appesa la sua foto in bacheca tra i soggetti da rintracciare e arrestare. L’ordine viene dalla Procura di Termini Imerese, dove il Tribunale ha condannato il cittadino straniero per reati contro il patrimonio e altro.

Il poliziotto gli si avvicina. Lui non riconosce il pericolo, anzi, lo scambia per un cliente a cui vende oggetti falsi o di dubbia provenienza. Il Mazi, infatti, ha una di quelle classiche bancarelle proprio dietro la Questura a Ballarò. Peccato che lo sbirro non cerca Hogan, appena arrivate da Napoli, ma proprio lui, il Mazi. È troppo tardi: anche se abbozza un tentativo di fuga, viene subito placcato e portato alla Mobile. Lì avrà preso il suo ultimo caffè, all’aria aperta, almeno per i prossimi due anni.

Di

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

L’anno che verrà si celebra a Crotone

30 dicembre 2023, Commenti disabilitati su L’anno che verrà si celebra a Crotone

Palermo, Borgo Parrini: il comune sfratta il bene confiscato alle mafie

13 dicembre 2023, Commenti disabilitati su Palermo, Borgo Parrini: il comune sfratta il bene confiscato alle mafie

Alla Sicilia e alla Calabria non servono ponti ma autostrade, ferrovie e aerei

26 novembre 2023, Commenti disabilitati su Alla Sicilia e alla Calabria non servono ponti ma autostrade, ferrovie e aerei

Operazione All in : Cosa Nostra e il business del gioco d’azzardo

25 novembre 2023, Commenti disabilitati su Operazione All in : Cosa Nostra e il business del gioco d’azzardo

Sicilia – Cuffaro alla conquista dell’Europa [o forse no?]

24 novembre 2023, Commenti disabilitati su Sicilia – Cuffaro alla conquista dell’Europa [o forse no?]

Video

Service Unavailable.