Pubblicato: dom, 4 Dic , 2016

Modifica costituzionale: questo lo sapevi?

Modifica costituzionale dell’art. 78 sullo “stato di guerra”

Sono le ore 23 si chiudono i seggi e sperando che gli animi si siano placati e che sia subentrata maggiore obiettività di giudizio vorremmo invitare vinti e vincitori, che ancora non conosciamo, a qualche riflessione stimolataci anche dal Tavolo della pace di qualche giorno fa’.

Articolo 78.

Il testo attuale così recita:

Le Camere deliberano lo stato di guerra e conferiscono al Governo i poteri necessari“.

Il testo della riforma modifica questo quadro recitando:

La Camera dei deputati delibera a maggioranza assoluta lo stato di guerra e conferisce al Governo i poteri necessari”.

E’ preoccupante, che la prevista maggioranza assoluta sia di fatto già assicurata dalla legge elettorale approvata per l’elezione della Camera dei Deputati, grazie al premio di maggioranza dato ad un solo partito che può essere una ridotta minoranza del Paese.

In questo modo la dichiarazione di guerra diviene affare esclusivo del partito di maggioranza relativa che nel futuro non possiamo certo sapere quale sarà.

grandeguerra-italiaManca quindi un contrappeso a tale potere che avrebbe potuto essere introdotto, ad esempio con l’ottenimento di una maggioranza qualificata (ad esempio 2/3 dei componenti di Camera e Senato) come nel successivo art. 79 sull’amnistia che è rimasto invariato. La formulazione originale dei costituenti era stata pensata come una deroga temporanea ed eccezionale e come strumento ultimo di difesa e non di offesa al principio di ripudio della guerra sancito dall’art. 11 della carta costituzionale, più volte disatteso.

Qualcuno diceva: “la domanda sorge spontanea”.

     Nei quesiti posti nella scheda elettorale, nello spot pubblicitario e persino nel depliant inviato a casa degli italiani, dove compariva il riferimento alla modifica di questo importante articolo? Come sono stati informati i cittadini su queste mutate condizioni?

Il fronte del Si ha fatto gran dire che le modifiche costituzionali vanno fatte “per il futuro dei nostri figli”, i nostri figli hanno quindi necessità di andare a far la guerra?

Era questa una modifica costituzionale NECESSARIA, per far crescere il paese, l’occupazione a semplificare la politica ed a diminuirne i costi?

Quali sono le motivazioni di una così importante modifica sottaciuta che nulla ha a che vedere con le motivazioni addotte e che riguardano invece la politica estera?

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

Maurizio Viligiardi esprime parere contrario al bilancio di Publiacqua.

28 aprile 2017, Commenti disabilitati su Maurizio Viligiardi esprime parere contrario al bilancio di Publiacqua.

Renzi a Cavriglia.

25 aprile 2017, Commenti disabilitati su Renzi a Cavriglia.

Orienteering finale mondiale a Palermo

23 aprile 2017, Commenti disabilitati su Orienteering finale mondiale a Palermo

L’Italia terra di approdo per gli stranieri.

13 aprile 2017, Commenti disabilitati su L’Italia terra di approdo per gli stranieri.

Scende in campo la Lazio per i bambini ricoverati.

10 aprile 2017, Commenti disabilitati su Scende in campo la Lazio per i bambini ricoverati.

Video


Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: Entity: line 1: parser error : Start tag expected, '<' not found in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: No longer available in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: ^ in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Service Unavailable.