Pubblicato: gio, 11 Mag , 2017

Legittima difesa: Sì Toscana a Sinistra presenta una mozione in Regione Toscana.

COMUNICATO STAMPA

Legittima difesa. Fattori e Sarti (Sì): “Fermiamoci prima che sia troppo tardi, dalla Toscana che ha abolito per prima la pena di morte giunga un monito al Parlamento contro la barbarie”. Mozione di Sì Toscana a Sinistra.

Sì Toscana a Sinistra presenta una mozione affinché dalla Regione Toscana giunga un forte e chiaro monito al Parlamento a non procedere con l’approvazione della nuova Legge sulla legittima difesa. Lo annunciano i Consiglieri Tommaso Fattori e Paolo Sarti.

“Dopo l’incostituzionale Decreto Minnitti–Orlando e le deliranti polemiche xenofobe sulle ONG siamo al terzo atto di questa follia collettiva: la legge sulla legittima difesa approvata per ora alla Camera trasformerà la Repubblica in un saloon sanguinoso, dove il primo a morire è lo stato di diritto. Il tutto per inseguire l’estrema destra, alimentando false percezioni e pericoli immaginari, immersi fino al collo in un pericoloso circolo vizioso politico-mediatico”.

“L’Italia è uno dei Paesi con il più basso tasso di omicidi al mondo: 0,8% ogni centomila abitanti, reati di camorra e omicidi “familiari” compresi, e in costante diminuzione, essendo passati dai 1.901 omicidi del 1991 ai 469 del 2015. Allo stesso tempo diminuiscono costantemente i reati non cruenti come furti e rapine. Ma nonostante ciò, i demagoghi della paura e dell’ignoranza alimentano il terrore e spingono gli italiani ad armarsi, dimenticando che dove le armi circolano liberamente tra i cittadini, come negli Stati Uniti, si hanno i numeri più alti di morti ammazzati. Dobbiamo anche ricordare che i casi aperti per legittima difesa sono al 2015 in tutto 136, e per oltre il 90% si prevede l’assoluzione, prova evidente che la legge precedente già consentiva ampiamente di difendersi”.

“Con il voto alla Camera il PD, invece di porre un argine ai deliri leghisti e delle destre, sancisce l’istituzione della pena di morte privata, la vendetta “fai da te” senza l’intervento delle autorità: si cancella così un principio cardine del diritto, invitando, di fatto, i cittadini a farsi giustizia da soli. Si passa così dalla legittima difesa alla licenza d’uccidere. Il messaggio culturale è agghiacciante: armatevi e sparate pure, basta che il rapinatore vi faccia molta paura. Senza comprendere che tutto questo non disincentiverà i furti, farà solo sì che chi ti entra in casa si assicurerà di essere ben armato e pronto a spararti prima e meglio di te. Senza capire che la corsa ad armarsi aumenterà femminicidi e morti per banali liti in discoteca, con il vicino di casa o per strada”.

“Ribadito per l’ennesima volta che l’Italia non vive alcuna emergenza e che tutti i dati mostrano da tempo una riduzione costante dei reati, i soldi pubblici devono essere spesi per avere forze dell’ordine democratiche ben preparate, presenti sui territori con organici, mezzi e strutture adeguati, non certo sprecati per difendere cittadini indagati per aver agito e ucciso in eccesso colposo, come hanno fatto la Lombardia e Liguria. La vera sicurezza si costruisce soprattutto intervenendo sulla crisi economica, combattendo povertà, l’ingiustizia sociale e l’emarginazione, una politica che lo dimentica è una politica irresponsabile”.

“La Toscana ha abolito per prima la pena di morte nel 1786, adesso non possiamo restare in silenzio davanti ad una simile e incomprensibile regressione. Ci auguriamo che il Consiglio regionale della Toscana voglia discutere seriamente le nostre proposte, con tutta l’attenzione che una Politica responsabile deve avere, analizzando i dati di realtà e senza rincorse estremiste”.

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

Black out Roma. L’ informazione trasloca a Milano, perché?

21 novembre 2017, Commenti disabilitati su Black out Roma. L’ informazione trasloca a Milano, perché?

Cavriglia, il territorio dell’ex miniera

16 novembre 2017, Commenti disabilitati su Cavriglia, il territorio dell’ex miniera

impertinenteMente

14 novembre 2017, Commenti disabilitati su impertinenteMente

Un prete che ha fatto il voto di povertà

13 novembre 2017, Commenti disabilitati su Un prete che ha fatto il voto di povertà

Per non dimenticare: la lunga ombra del Divo

10 novembre 2017, Commenti disabilitati su Per non dimenticare: la lunga ombra del Divo

Video


Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: Entity: line 1: parser error : Start tag expected, '<' not found in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: No longer available in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: ^ in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Service Unavailable.