Pubblicato: mer, 2 Apr , 2014

La Russia non ritira le truppe, Nato minaccia sanzioni

In occasione del vertice di Bruxelles, la Nato annuncia il mancato ritiro delle truppe russe dall’Ucraina e prevede una interruzione dei rapporti con il paese di Putin

Anders Fogh Rasmussen

Nella giornata di ieri il Segretario Generale della Nato Anders Fogh Rasmussen ha annunciato che l’Organizzazione non conferma il ritiro delle truppe Russe dall’Ucraina, azione al centro di calde esortazioni da parte dell’intera comunità internazionale. La comunicazione ha avuto luogo congiuntamente al vertice dei Ministri degli Esteri a Bruxelles, dove la reazione unanime è stata quella di annunciare la sospensione di ogni rapporto civile e militare con la Russia, intenzione già ventilata in occasione dell’occupazione della Crimea.

Le notizie che giungono dall’Ucraina a questo riguardo, infatti, sono ancora piuttosto allarmanti e lasciano temere nuove azioni militari da parte della Russia. Secondo il portavoce del Ministero della Difesa di Kiev, le truppe di Putin hanno gradualmente lasciato il territorio ucraino per concentrarsi in folti ranghi lungo le frontiere. Rasmussen ha commentato lo stazionamento di più di 20.000 militari russi lungo il confine est dell’Ucraina sostenendo che una condizione di questo tipo non contribuisce ad abbassare la tensione, soprattutto dopo i continui richiami internazionali volti al totale ritiro delle truppe.

Secondo la Nato, dunque, la Russia avrebbe violato gli accordi internazionali ed ignorato le esortazioni e le minacce di sanzioni annunciate nelle ultime settimane; dichiarando di non aver alcuna intenzione di tornare ad un assetto simile a quello della Guerra Fredda, l’Organizzazione del Patto Atlantico sembra particolarmente ferma sulle proprie posizioni, decisa a tagliare i ponti con Putin.

Di

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

L’anno che verrà si celebra a Crotone

30 dicembre 2023, Commenti disabilitati su L’anno che verrà si celebra a Crotone

Palermo, Borgo Parrini: il comune sfratta il bene confiscato alle mafie

13 dicembre 2023, Commenti disabilitati su Palermo, Borgo Parrini: il comune sfratta il bene confiscato alle mafie

Alla Sicilia e alla Calabria non servono ponti ma autostrade, ferrovie e aerei

26 novembre 2023, Commenti disabilitati su Alla Sicilia e alla Calabria non servono ponti ma autostrade, ferrovie e aerei

Operazione All in : Cosa Nostra e il business del gioco d’azzardo

25 novembre 2023, Commenti disabilitati su Operazione All in : Cosa Nostra e il business del gioco d’azzardo

Sicilia – Cuffaro alla conquista dell’Europa [o forse no?]

24 novembre 2023, Commenti disabilitati su Sicilia – Cuffaro alla conquista dell’Europa [o forse no?]

Video

Service Unavailable.