Pubblicato: lun, 14 Apr , 2014

Grillo riscrive Primo Levi ed è polemica

Beppe Grillo utilizza la Shoah per fare propaganda e viene sommerso dalle critiche bipartisan

Grillo LeviEnnesimo post discusso e discutibile sul blog di Beppe Grillo. L’ex-comico genovese ha parafrasato la poesia di Primo Levi “Se questo è un uomo” che fa da incipit all’omonimo libro dello scrittore piemontese.

“Se questo è un Paese” è il titolo del componimento di Grillo che, riscrivendo i versi di Levi, lancia un’invettiva contro la classe politica italiana. Dall’accordo sulle riforme, al governo attuale passando per la P2 e la trattativa Stato-mafia. Di tutto e di più in 43 versi. A completare l’”opera” un fotomontaggio del celebre cancello di ingresso di Auschwitz con la scritta “Arbeit macht frei” che diventa “P2 macht frei” (la P2 rende liberi ndr).

Ovviamente non si sono fatte attendere le critiche per la scelta del leader pentastellato di usare la Shoah e Primo Levi per fare propaganda. Secondo Renzo Grattagna, presidente dell’Unione Comunità Ebraiche Italiane, il post di Grillo è «Un’oscenità sulla quale non è possibile tacere. Si tratta infatti di una profanazione criminale del valore della memoria e del ricordo di milioni di vittime. È un’infame provocazione, Grillo solletica i più bassi sentimenti antisemiti e cavalca il malcontento popolare che si addensa in questi tempi di crisi». Critici anche gli esponenti politici. Alessandra Moretti, su twitter, scrive: “Se questo è un comico. Vergognoso oltraggio alla memoria: Grillo non merita di rappresentarci in Europa”. Mentre per Lorenzo Cesa “Utilizzare una tragedia come il genocidio, la Shoah, con l’obiettivo di insultare il presidente della Repubblica e il capo del governo è quanto di più abietto e spregevole ci possa essere”. Proteste anche dagli altri partiti come SEL, Forza Italia e NCD.

La sortita di Grillo fa sollevare dubbi anche ad alcuni esponenti del suo partito. Tommaso Currò, invero considerato tra i “dissidenti”, dice che l’uso di “Se questo è un uomo” «non sta né in terra né in cielo» mentre a difendere Grillo ci pensa, tra gli altri, il vicepresidente cinquestelle della Camera Luigi Di Maio che su twitter scrive “Li sento tutti indignarsi per un fotomontaggio. Sono gli stessi che cantavano “Bella Ciao” mentre regalavano 7 miliardi e mezzo alle banche”.

Quella odierna, probabilmente, non è che una delle prime polemiche della campagna elettorale che ci condurrà alle elezioni europee del 25 maggio. Una campagna elettorale che si preannuncia aspra con i partiti pronti a qualsiasi mezzo pur di avvantaggiarsi sugli avversari.

Di

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

LE MAFIE SONO UNA REALTÀ DEVASTANTE CON CUI FARE I CONTI, ANCHE IN TOSCANA

19 aprile 2024, Commenti disabilitati su LE MAFIE SONO UNA REALTÀ DEVASTANTE CON CUI FARE I CONTI, ANCHE IN TOSCANA

CON LA POVERTA’ CRESCONO ANCHE LE MAFIE

28 marzo 2024, Commenti disabilitati su CON LA POVERTA’ CRESCONO ANCHE LE MAFIE

L’anno che verrà si celebra a Crotone

30 dicembre 2023, Commenti disabilitati su L’anno che verrà si celebra a Crotone

Palermo, Borgo Parrini: il comune sfratta il bene confiscato alle mafie

13 dicembre 2023, Commenti disabilitati su Palermo, Borgo Parrini: il comune sfratta il bene confiscato alle mafie

Alla Sicilia e alla Calabria non servono ponti ma autostrade, ferrovie e aerei

26 novembre 2023, Commenti disabilitati su Alla Sicilia e alla Calabria non servono ponti ma autostrade, ferrovie e aerei

Video

Service Unavailable.