Pubblicato: lun, 10 Feb , 2014

Forza Italia: “Napolitano spieghi contatti con Monti già nell’agosto 2011”

Il Presidente della Repubblica avrebbe incontrato Monti già nell’estate del 2011, cioè mesi prima della nomina dell’ex commissario europeo a Palazzo Chigi. A rivelarlo  il Corriere della Sera riportando stralci del libro di Friedman
napolitano_monti

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano e l’ex premier, Mario Monti

Napolitano preparava la strada al governo Monti già nell’agosto 2011. Si legge nell’anticipazione di un libro pubblicata oggi dal «Corriere della Sera» su presunti colloqui tra Mario Monti e il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nell’estate del 2011, cioè qualche mese prima della nomina dell’allora presidente della Bocconi a Palazzo Chigi, nel novembre 2011.

Il quotidiano riporta le rivelazioni del libro di Alan Friedman, in cui il giornalista ripercorre gli eventi che portarono alla caduta del Cavaliere e all’arrivo a Palazzo Chigi di Monti. Nel libro «Ammazziamo il gattopardo», Friedman cita le testimonianza di Carlo De Benedetti e Romano Prodi, i quali intervistati dal giornalista confermano le consultazioni anticipate: «Stando alle parole di Carlo De Benedetti e Romano Prodi, entrambi amici di Monti, e per ammissione dello stesso ex premier, in una serie di video interviste le cose sono andate diversamente» rispetto alla versione del Presidente della Repubblica. Napolitano, ancora la scorsa settimana a Strasburgo, aveva detto che i governi Monti e Letta «non sono nati per un capriccio» del Quirinale.

In una nota congiunta  i capigruppo di FI di Camera e Senato, Renato Brunetta e Paolo Romani scrivono: «Apprendiamo con sgomento che il Capo dello Stato, già nel giugno del 2011, si attivò per far cadere il governo Berlusconi e sostituirlo con Mario Monti. Tutto questo non può non destare in noi e in ogni sincero democratico forti dubbi sul modo di intendere l’altissima funzione di Presidente della Repubblica da parte di Giorgio Napolitano».

Altre polemiche arrivano dal M5s. Luigi De Maio, vicepresidente M5s della Camera, in un post commenta «Abbiamo sempre ragione noi, le rivelazioni a mezzo stampa sottolineano le ingerenze di Napolitano negli equilibri di governo, il tentativo di insediare Monti a Palazzo Chigi gia a metà 2011. Dalle notizie appese oggi può dipendere il futuro del governo e di questa Legislatura, se accertate».

Mario Monti conferma i contatti avuto con il Capo della Stato e dichiara non c’è stata nessuna anomalia. «Nell’estate del 2011 ho avuto dal presidente della Repubblica dei segnali: mi aveva fatto capire che che in caso di necessità dovevo essere disponibile. Ma è assurdo che che venga considerato anomalo che un presidente della Repubblica si assicuri di capire se ci sia un’ alternativa se si dovesse porre un problema».

 

Di

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

LE MAFIE SONO UNA REALTÀ DEVASTANTE CON CUI FARE I CONTI, ANCHE IN TOSCANA

19 aprile 2024, Commenti disabilitati su LE MAFIE SONO UNA REALTÀ DEVASTANTE CON CUI FARE I CONTI, ANCHE IN TOSCANA

CON LA POVERTA’ CRESCONO ANCHE LE MAFIE

28 marzo 2024, Commenti disabilitati su CON LA POVERTA’ CRESCONO ANCHE LE MAFIE

L’anno che verrà si celebra a Crotone

30 dicembre 2023, Commenti disabilitati su L’anno che verrà si celebra a Crotone

Palermo, Borgo Parrini: il comune sfratta il bene confiscato alle mafie

13 dicembre 2023, Commenti disabilitati su Palermo, Borgo Parrini: il comune sfratta il bene confiscato alle mafie

Alla Sicilia e alla Calabria non servono ponti ma autostrade, ferrovie e aerei

26 novembre 2023, Commenti disabilitati su Alla Sicilia e alla Calabria non servono ponti ma autostrade, ferrovie e aerei

Video

Service Unavailable.