Pubblicato: mar, 27 Mag , 2014

Federico Motka torna in Italia

Il giovane cooperante italiano era stato rapito un anno fa in Siria

 

Federico Motka

Federico Motka

Federico Motka è atterrato questa mattina all’aeroporto di Ciampino. Ad accogliere il giovane rapito un anno fa in Siria c’era il ministro degli Esteri, Federica Mogherini. Il suo rilascio, avvenuto in Turchia, era stato annunciato con un tweet dal premier Renzi ieri sera intorno alle 21:30. «Ho appena comunicato a Giovanna Motka che suo figlio Federico, sequestrato da oltre un anno, sta rientrando e sarà in Italia domani #acasa» aveva scritto il presidente del Consiglio sul profilo Twitter.

Nel marzo dello scorso anno, Federico Mokta era stato sequestrato da un gruppo di uomini armati, vicino ad Atmeh, un campo profughi nella regione di Idlib nella zona nord-occidentale della Siria. Da alcune informazioni non ufficialmente confermante, insieme al ragazzo italo-svizzero, era stato rapito anche un altro cooperante francese. Le dinamiche del sequestro infatti non sono state ancora chiarite.  All’epoca del rapimento, Mokta lavorava per un’organizzazione non governativa francese, la Acted. Si trovava nel villaggio di Atmeh in qualità di coordinatore degli interventi umanitari e precedentemente aveva lavorato in altre zone di guerra come l’Afghanistan.

Il ministro Mogherini ha tenuto a ringraziare «tutti coloro che hanno lavorato per la felice soluzione del caso, in particolare l’Unità di Crisi della Farnesina, i nostri servizi di sicurezza e la famiglia per la fiducia dimostrata nelle istituzioni italiane». La Mogherini ha tenuto a precisare l’importanza del “lavoro silenzioso” portato a termine dalla Farnesina che fin dall’inizio aveva invitato i media a mantenere il silenzio stampa, osservato rigidamente anche  dai familiari e dai colleghi di Motka.

 

Di

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

L’anno che verrà si celebra a Crotone

30 dicembre 2023, Commenti disabilitati su L’anno che verrà si celebra a Crotone

Palermo, Borgo Parrini: il comune sfratta il bene confiscato alle mafie

13 dicembre 2023, Commenti disabilitati su Palermo, Borgo Parrini: il comune sfratta il bene confiscato alle mafie

Alla Sicilia e alla Calabria non servono ponti ma autostrade, ferrovie e aerei

26 novembre 2023, Commenti disabilitati su Alla Sicilia e alla Calabria non servono ponti ma autostrade, ferrovie e aerei

Operazione All in : Cosa Nostra e il business del gioco d’azzardo

25 novembre 2023, Commenti disabilitati su Operazione All in : Cosa Nostra e il business del gioco d’azzardo

Sicilia – Cuffaro alla conquista dell’Europa [o forse no?]

24 novembre 2023, Commenti disabilitati su Sicilia – Cuffaro alla conquista dell’Europa [o forse no?]

Video

Service Unavailable.