Pubblicato: ven, 6 Set , 2013

Disoccupazione, a luglio -0,3%

A luglio 2013, secondo i dati dell’Istat, il numero di disoccupati, pari a 3 milioni e 76 mila, diminuisce dello 0,3% rispetto al mese precedente

 

Di Vito Campo

NEWS_160046Il lieve calo della disoccupazione rispetto a giugno (-10 mila unità), potrebbe far pensare ad un lieve miglioramento dei senza lavoro in Italia, ma in realtà non è così: infatti l’aumento è dell’11,8% su base annua (+325 mila). La situazione è sempre più esplosiva. Anche i numeri, le percentuali, i dati, sia pure provvisori, nella loro fredda evidenza sono però capaci di rappresentare plasticamente la drammaticità della disoccupazione del “Bel Paese”. Del resto, i paragoni con gli altri Paesi dell’Eurozona messi peggio di noi, non leniscono affatto il dolore di chi è in cerca spasmodica di un lavoro, ma non riesce a trovarlo. Quasi come se fosse la cosa più normale del mondo non riuscire a mettere le mani su un lavoro, neanche su uno solo. Eppure è così!

Il tasso di disoccupazione si attesta al 12,0%, rimanendo invariato rispetto al mese precedente e in aumento dell’1,3% nei dodici mesi. Le persone in cerca di lavoro, aventi un’età compresa tra i 15 e i 24 anni, sono 635 mila e rappresentano il 10,6% della popolazione in questa fascia d’età. Inoltre, il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, ossia l’incidenza dei disoccupati sul totale di quelli occupati o in cerca, è pari al 39,5%, in aumento dello 0,4% rispetto al mese precedente e del 4,3% nel confronto tendenziale. Il numero di individui inattivi – cioè di coloro i quali non studiano e non cercano lavoro – tra i 15 e i 64 anni, diminuisce dello 0,1% rispetto al mese precedente (-12 mila unità) ma aumenta dello 0,3% rispetto a dodici mesi prima (+36 mila). Il tasso di inattività si attesta al 36,4%, rimanendo invariato in termini congiunturali e in aumento dello 0,2% su base annua.

Sempre a luglio 2013, gli occupati sono 22 milioni e 509 mila. Il numero rimane sostanzialmente invariato rispetto al mese precedente, ma si attesta in diminuzione dell’1,9% su base annua (-433 mila). Anche il tasso di occupazione, pari al 55,9%, rimane stabile in termini congiunturali e diminuisce dell’1,0% rispetto a dodici mesi prima.

I dati su occupazione e disoccupazione assumono risvolti diversi se analizzati per trimestre, area geografica, settore e tipologia contrattuale. Infatti, nel secondo trimestre 2013, si accentua la diminuzione su base annua del numero di occupati (-2,5%, pari a -585.000 unità), in particolar modo nel Mezzogiorno (-5,4%, pari a -335.000 unità). La riduzione degli uomini (-3,0%, pari a -401.000 unità) si unisce a quella delle donne (-1,9%, pari a -184.000 unità). Al persistente calo degli occupati più giovani e dei 35-49enni (rispettivamente -532.000 e -267.000 unità) continua a contrapporsi, invece, la crescita degli occupati con almeno 50 anni (+214.000 unità).

La riduzione tendenziale dell’occupazione italiana prosegue inesorabile (-581.000 unità), mentre si arresta la crescita di quella straniera (-4.000 unità). Facendo il confronto con il secondo trimestre 2012, tuttavia, il tasso di occupazione degli stranieri fa segnare una riduzione del 3,5% a fronte di un calo dell’1,2% di quello degli italiani. Dati negativi si registrano anche in tre grandi comparti del Paese. Nell’industria in senso stretto prosegue la flessione dell’occupazione, con una discesa tendenziale del 2,4% (-111.000 unità), a cui si associa la più sensibile contrazione di occupati nelle costruzioni (-12,7%, pari a -230.000 unità). Per il secondo trimestre consecutivo l’occupazione si riduce anche nel terziario (-1,0%, pari a -154.000 unità).

Guardando alle tipologie contrattuali, anche qui, i dati non risultano certo lusinghieri: infatti per gli occupati a tempo pieno il calo è del 3,4% (pari a -644.000 unità rispetto al secondo trimestre 2012), che in quasi metà dei casi riguarda i dipendenti a tempo indeterminato (-2,5%, pari a -312.000 unità). Inoltre, per il secondo trimestre consecutivo, e con maggiore intensità rispetto al passato, cala il lavoro a termine (-7,2%, pari a -177.000 unità). A ciò si accompagna una diminuzione dei collaboratori (-7,0%, pari a -32.000 unità). In positivo, se può essere messo in questi termini, è l’aumento, in misura minore rispetto al recente passato, degli occupati a tempo parziale. La crescita riguarda, però, esclusivamente il part time involontario.

Il numero dei disoccupati, pari a 3.075.000, è in ulteriore aumento su base tendenziale (13,7%), pari a +370.000 unità. L’incremento, esteso su tutto il territorio nazionale, coinvolge in oltre la metà dei casi le persone con almeno 35 anni. Il 55,7% dei disoccupati è in cerca lavoro da un anno o più. Il tasso di disoccupazione trimestrale è pari al 12,0%, in crescita dell’1,5% rispetto ad un anno prima. Per gli uomini l’indicatore di disoccupazione passa dal 9,8% all’attuale 11,5%, così come per le donne dall’11,4% al 12,8%. Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni sale al 37,3% (+3,4 %), con un picco del 51,0% per le giovani donne del Mezzogiorno.

Anche il ruolo degli inattivi desta non poca preoccupazione. Infatti, dopo ben sette trimestri di discesa, torna ad aumentare il numero di inattivi tra i 15 e i 64 anni (+1,2%, pari a 172.000 unità), in considerazione sia di quanti cercano lavoro non attivamente sia di quanti non cercano e non sono neppure disponibili a lavorare. L’aumento in più di nove casi su dieci riguarda gli uomini, e coinvolge soprattutto i giovani di 15-34 anni.

Di

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

La parola al potere. Reagan, Churchill e…De Luca

23 ottobre 2020, Commenti disabilitati su La parola al potere. Reagan, Churchill e…De Luca

Roma, ospedali ai posti di combattimento: medici positivi, no alle visite dei parenti.

16 ottobre 2020, Commenti disabilitati su Roma, ospedali ai posti di combattimento: medici positivi, no alle visite dei parenti.

Emergenza sanitaria: stop a Zingaretti sull’obbligo del vaccino antinfluenzale, ma lui rilancia e lo affida anche ai farmacisti. Insorge la Federazione dei medici, vediamo perchè.

6 ottobre 2020, Commenti disabilitati su Emergenza sanitaria: stop a Zingaretti sull’obbligo del vaccino antinfluenzale, ma lui rilancia e lo affida anche ai farmacisti. Insorge la Federazione dei medici, vediamo perchè.

Stop obbligo vaccino antinfluenzale, il Tar della Calabria dice no a Iole Santelli

17 settembre 2020, Commenti disabilitati su Stop obbligo vaccino antinfluenzale, il Tar della Calabria dice no a Iole Santelli

Sporcheremo i muri con un altro NO!

9 settembre 2020, Commenti disabilitati su Sporcheremo i muri con un altro NO!

Video


Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: Entity: line 2: parser error : AttValue: " or ' expected in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: <html lang=en> in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: ^ in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: Entity: line 2: parser error : attributes construct error in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: <html lang=en> in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: ^ in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: Entity: line 2: parser error : Couldn't find end of Start Tag html line 2 in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: <html lang=en> in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: ^ in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: Entity: line 2: parser error : Extra content at the end of the document in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: <html lang=en> in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: ^ in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Service Unavailable.