Pubblicato: sab, 7 Ott , 2023

Catania: maxi sequestro da 98 milioni, colpo al clan Scalisi – Laudani

Due imprenditori indagati per concorso esterno in associazione mafiosa, sequestri in tutta Italia

Maxi sequestro di beni per 98 milioni di euro: il blitz delle ffoo si è concretizzato in diverse province di Sicilia, Lazio, Lombardia e Veneto. A essere colpito è il patrimonio di due imprenditori, padre e figlio, ritenuti contigui al clan mafioso Scalisi di Adrano, articolazione locale della famiglia Laudani di Catania. Il provvedimento, emesso dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale etneo su richiesta dello locale Dda, è avvenuto con l’ausilio dei comandi provinciali di Mantova, Milano, Monza, Roma e Verona.

Gli imprenditori erano stati già arrestati nel 2021 e sono stati rinviati a giudizio per concorso esterno in associazione mafiosa “poiché avrebbero sistematicamente favorito il clan Scalisi fornendo, mediante l’alimentazione della cassa e il mantenimento del gruppo e dei suoi sodali, un contributo, stabile e protratto nel tempo, alla realizzazione delle finalità dell’organizzazione mafiosa, al consolidamento del potere economico e all’occultamento e all’incremento del patrimonio del sodalizio, in cambio del quale avrebbero ricevuto protezione e agevolazione nell’espansione delle proprie attività imprenditoriali”. Grazie a un “mutua assistenza” gli indagati, inizialmente operanti nel settore della logistica e dei trasporti nella zona di Adrano (Catania), avrebbero progressivamente esteso “le loro illecite attività imprenditoriali in altre aree del territorio nazionale, diversificandole verso il settore della commercializzazione dei prodotti petroliferi”.

Dalle risultanze investigative emerge che gli imprenditori facevano arrivare in Italia “prodotti energetici provenienti da Austria, Germania, Repubblica Ceca, Romania e Slovenia, formalmente indirizzati a due depositi in provincia di Verona e Catania, ma di fatto destinati ad altri siti etnei di stoccaggio gestiti dagli indagati”, i carburanti venivano poi girati a imprese di autotrasporto e distributori stradali. La competitività dei prezzi praticati “sarebbe stata assicurata grazie alla sistematica evasione, per decine di milioni di euro, delle imposte dovute sui prodotti energetici, in particolare l’Iva, ricorrendo all’omissione ovvero alla presentazione di dichiarazioni fiscali infedeli.

L’indagine si è concretizzata grazie alle operazioni “Follow the money” e “Black blend”, che hanno accertato anche la diversificazione imprenditoriale. Gli inquirenti hanno individuato beni e disponibilità finanziarie incompatibili con i redditi dichiarati dai soggetti indagati, portando alla luce un’evidente sproporzione tra le ricchezze accumulate e i redditi complessivamente prodotti, talmente esigui da non poter assicurare nemmeno il sostentamento familiare.

La Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Catania, su proposta della Procura, ha disposto il sequestro di quote sociali e relativi compendi aziendali di 28 attività commerciali (di cui 23 società con sede in Italia, 1 società di diritto estero e 4 ditte individuali), site nelle province di Catania (n. 16, di cui 9 in Catania città, 5 in Adrano e 2 in Biancavilla), Enna (n.1), Mantova (n.1), Milano (n.3), Roma (n.1), Verona (n.5) nonché nella città di Villach in Austria (n.1), operanti nel settore della logistica e dei trasporti, della commercializzazione dei prodotti petroliferi e immobiliare; 70 beni immobili (di cui 36 fabbricati e 34 terreni), situati nelle province di Catania (n. 47, di cui 1 in Aci Catena, 40 in Adrano e 6 Biancavilla), Enna (n.6), Messina (n.2), Mantova (n.6), Modena (n.2) e Verona (n.7); denaro contante per 1,7 mln di euro nonché gioielli e preziosi (9 Rolex e 16 tra monili, anelli e bracciali) per un valore di oltre 250.000 euro, rinvenuti nella disponibilità dei medesimi; rapporti bancari e finanziari, personali e societari, con disponibilità poste a disposizione dell’amministratore giudiziario complessivamente pari a 16 milioni di euro”.

Di

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

CON LA POVERTA’ CRESCONO ANCHE LE MAFIE

28 marzo 2024, Commenti disabilitati su CON LA POVERTA’ CRESCONO ANCHE LE MAFIE

L’anno che verrà si celebra a Crotone

30 dicembre 2023, Commenti disabilitati su L’anno che verrà si celebra a Crotone

Palermo, Borgo Parrini: il comune sfratta il bene confiscato alle mafie

13 dicembre 2023, Commenti disabilitati su Palermo, Borgo Parrini: il comune sfratta il bene confiscato alle mafie

Alla Sicilia e alla Calabria non servono ponti ma autostrade, ferrovie e aerei

26 novembre 2023, Commenti disabilitati su Alla Sicilia e alla Calabria non servono ponti ma autostrade, ferrovie e aerei

Operazione All in : Cosa Nostra e il business del gioco d’azzardo

25 novembre 2023, Commenti disabilitati su Operazione All in : Cosa Nostra e il business del gioco d’azzardo

Video

Service Unavailable.