Pubblicato: gio, 19 Giu , 2014

Giornalisti, tutti autonomi con contratto trappola

La Federazione della Stampa svende agli editori ed istituzionalizza il precariato. Democrazia e informazione violate.

equo_compensoLa giunta della Federazione nazionale della stampa ha siglato l’accordo per il rinnovo del contratto di categoria dei giornalisti italiani, nonostante le numerose richieste di confrontarsi in modo trasparente e aperto con tutta la categoria. Un contratto altamente lesivo della professionalità che legalizza lo sfruttamento dei lavoratori non subordinati (professionisti e non dilettanti) che rappresentano il 60% della categoria, in condizioni di precarietà, senza diritti e sottopagati.

Nel contratto di categoria stabilite le cifre dei compensi minimi che spetterebbero ai circa 10 mila titolari di un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa. Tremila euro l’anno lordi, circa 250 euro al mese. Lo chiamano equo compenso ma non ha niente a che vedere con lo spirito della legge 233/2012, ottenuta dopo un alunga mobilitazione e la stesura della Carta di Firenze, che sembrava essere un buon punto di partenza. Oggi, invece, nel contratto di categoria, è previsto che chi lavora per quotidiani nazionali un minimo di 3 mila euro lordi l’anno per scrivere almeno 9 articoli al mese, guadagnando 27 euro lordi ad articolo. Per un quotidiano locale gli articoli richiesti sono 15 , cinquanta per chi lavora per i periodici, 40 per  un’agenzia o il web, tra segnalazioni o informazioni anche corredate da foto o video, ogni mese. Con compensi simili, il giornalista lo si potrà fare solo per hobby perché dovrà necessariamente contare su altri redditi.

Una questione di democrazia

Dunque, i giornalisti non sono più una casta, questo è chiaro. Esclusi i pochi rimasti e garantiti nelle redazioni, ma a rischio di vedersi negare presto anche alcune tutele legali. Oggi, invece, possiamo parlare di caste, dove i paria, sono circa 10 mila giornalisti precarizzati a vita. Destinati al doppio lavoro per sopravvivere e resi fragili di fronte alla committenza. Non è solo un problema di lavoratori in crisi e pertanto meritevoli di tutela, ma di caduta libera della democrazia. Come può davvero essere garantita una inchiesta “scomoda” con questi presupposti o semplicemente una informazione di qualità, priva di qualunque tutela sul lavoro?. L’opinione pubblica non è abitutata a comprendere i rischi della professione giornalistica, ma non sono meno rilevanti di chi rischia la salute o la vita . I giornalisti muoiono anche per il loro lavoro. Fare il giornalista significa garantire un servizio alla società, perchè conoscere, significa capire e ci auguriamo scegliere meglio, o più consapevoli. Per un’informazione libera, indipendente e di qualità, occorre la giusta retribuzione, le tutele legali contro le querele intimidatorie e la dignità del lavoro. E i dipendenti di oggi diventeranno i “nuovi autonomi” di domani.  Perché gli editori di fatto stanno già riducendo gli organici delle redazioni ed esternalizzando il più possibile il lavoro, potendolo affidare ad autonomi sottopagati che costano almeno 10 volte meno di un dipendente, ed è per questo che oggi hanno ottenuto anche il placet della legge.

Per il metodo e nel merito di questa operazione contrattuale, rete 100 passi aderisce al Comunicato del Coordinamento precari, freelance e atipici di Stampa Romana, acui presto auspichiamo si aggiungano altre associazioni di stampa regionali.

 

 

 

 

 

 

 

 

Di

- Direttrice responsabile della testata giornalistica 100 Passi. Giornalista esperta in nuovi diritti, salute e sanità. Appassionata di cinema e di buone letture. Membro eletto del Collegio dei Probiviri della Federazione Nazionale della Stampa Italiana.

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

Tar Lazio: i medici di famiglia devono curare tutti gli assistiti. No alle visite domiciliari ai malati covid. Si attivino le USCA. Annullata l’ordinanza regionale nel rispetto delle direttive nazionali.

17 novembre 2020, Commenti disabilitati su Tar Lazio: i medici di famiglia devono curare tutti gli assistiti. No alle visite domiciliari ai malati covid. Si attivino le USCA. Annullata l’ordinanza regionale nel rispetto delle direttive nazionali.

Scuola: insegnanti e studenti “ribelli” perché senza scuola non c’ è futuro.

11 novembre 2020, Commenti disabilitati su Scuola: insegnanti e studenti “ribelli” perché senza scuola non c’ è futuro.

La parola al potere. Reagan, Churchill e…De Luca

23 ottobre 2020, Commenti disabilitati su La parola al potere. Reagan, Churchill e…De Luca

Roma, ospedali ai posti di combattimento: medici positivi, no alle visite dei parenti.

16 ottobre 2020, Commenti disabilitati su Roma, ospedali ai posti di combattimento: medici positivi, no alle visite dei parenti.

Emergenza sanitaria: stop a Zingaretti sull’obbligo del vaccino antinfluenzale, ma lui rilancia e lo affida anche ai farmacisti. Insorge la Federazione dei medici, vediamo perchè.

6 ottobre 2020, Commenti disabilitati su Emergenza sanitaria: stop a Zingaretti sull’obbligo del vaccino antinfluenzale, ma lui rilancia e lo affida anche ai farmacisti. Insorge la Federazione dei medici, vediamo perchè.

Video


Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: Entity: line 2: parser error : AttValue: " or ' expected in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: <html lang=en> in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: ^ in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: Entity: line 2: parser error : attributes construct error in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: <html lang=en> in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: ^ in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: Entity: line 2: parser error : Couldn't find end of Start Tag html line 2 in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: <html lang=en> in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: ^ in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: Entity: line 2: parser error : Extra content at the end of the document in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: <html lang=en> in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: ^ in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Service Unavailable.