Pubblicato: mar, 5 Feb , 2013

Cyberbullismo: allarme nelle scuole siciliane

Secondo il 72% degli studenti intervistati il “Cyberbullismo” è uno dei più pericolosi fenomeni sociali di quest’epoca. Depressione, rifiuto della scuola e isolamento sono fra le peggiori conseguenze.

 

di Alessandro Salvia

Il cosiddetto “Cyber-bullismo” è un fenomeno tutto nuovo, entrato nelle vite dei giovani di pari passo con la diffusione di smartphone,UK --- Close up of a woman using laptop computer with web cam --- Image by © Julian Winslow/ableimages/Corbis Tablet e tutti i vari strumenti tramite i quali è possibile condividere informazioni su internet in qualsiasi luogo e in qualsiasi momento. Uno dei metodi più diffusi, secondo gli intervistati, sarebbe una forma di complotto operato da alcuni studenti che, prima di entrare a scuola, si mettono d’accordo via chat su chi perseguitare quel giorno. I motivi possono variare: dai gusti sessuali della vittima, al suo modo di vestire, fino addirittura ai suoi gusti musicali. Un adolescente, ad esempio, di 13 anni è un individuo estremamente sensibile, che soffre in modo particolare se non riesce a integrarsi in una comunità (la classe, nella fattispecie), questo porta spesso a gravissime conseguenze, quali ad esempio la depressione, il rifiuto di andare a scuola, l’isolamento. Non è raro, purtroppo, sentir parlare di adolescenti costretti a fuggire dagli istituti che frequentano perché incapaci di sopportare quelle vessazioni, cosa che comunque non risolve il problema, visto che i cyberbulli continuano la loro opera di persecuzione anche su Facebook e nei vari social network. Nei peggiori dei casi, abbiamo anche appreso di ragazzi che si tolgono la vita. E’ un fenomeno, quello del “Cyber-bullismo”, che è indice di un malessere della società stessa. Una società sempre più insensibile e superficiale, dove l’integrazione passa per la “popolarità”, e dove conta più che marca vesti piuttosto di chi sei.

 

Di

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

La comunicazione mafiosa

3 luglio 2022, Commenti disabilitati su La comunicazione mafiosa

NEL NOME DI SAN LUCA, DI POLSI E DELLA SANTA

2 luglio 2022, Commenti disabilitati su NEL NOME DI SAN LUCA, DI POLSI E DELLA SANTA

l’eredità delle stragi

24 maggio 2022, Commenti disabilitati su l’eredità delle stragi

40 anni dall’assassinio di Pio La Torre, eliminato dalla mafia

30 aprile 2022, Commenti disabilitati su 40 anni dall’assassinio di Pio La Torre, eliminato dalla mafia

Memoria e Storia : breve guida per capire il presente

23 aprile 2022, Commenti disabilitati su Memoria e Storia : breve guida per capire il presente

Video

Service Unavailable.