Pubblicato: lun, 24 Nov , 2014

Attacco ai diritti dei lavoratori.

Accanto a Landini: il governo si spende per il paese peggiore.

milano-incidentiSull’art. 18 “sembra quasi che si voglia esibire lo scalpo della Cgil. Davvero si ha la pretesa di negare a un lavoratore che ritiene di aver subito un licenziamento per un motivo economico palesamente insussistente la possibilità di appellarsi a un giudice? Non credo proprio che un’ulteriore riforma dell’art. 18 sia voluta dall’Europa. Gli imprenditori hanno già le mani molto libere per poter licenziare”. E ancora: “ora si propone ai lavoratori di ritirare prima la loro liquidazione aumentando le tasse sul Tfr prelevato. E’ un’operazione molto cinica: perché lo ritireranno solo i lavoratori maggiormente in difficoltà. E’ come se il governo proponesse loro un prestito a un tasso quasi usuraio.”

No, non è Maurizio Landini a parlare. Udite, udite: è Elsa Fornero in un’intervista rilasciata a Vittorio Zincone per il “Corriere della sera”. Rivendica la necessità, per lei, della propria riforma, che noi sappiamo come abbia iniziato l’attacco alla dignità del lavoro e tuttavia attesta come Renzi la stia ampiamente superando.

Cercare di accreditare la drittata che la scarsa propensione all’investimento della nostra impresa e quindi il basso tasso d’occupazione e il precariato si risolvano diminuendo i diritti di chi lavora è percorso da baro. E lo spirito dei tempi sembra conclamato dalla recente assoluzione dei responsabili della strage di lavoratori dell’Eternit: chi lavora non verrà più tutelato come dovrebbe per il progresso della civiltà industriale e della convivenza.

Pare, sempre più spesso, si voglia tornare alla primitività dell’impresa capitalistica, quando i lavoratori erano meri strumenti di lavoro usati dall’alba alla notte in ambienti malsani e cancerogeni, consumati dallo sfruttamento e licenziati ad arbitrio del padrone, sciur padrun da li beli braghi bianchi. E’ il neoliberismo, di cui Renzi si fa profeta, rivestito di modernità e rivolto alle caverne del lavoro. Lo imporrebbe la globalizzazione, secondo un tal Brambilla, a una trasmissione televisiva della 7, imprenditore brianzolo che vuole cancellare il sindacato e si augura che Landini sparisca; per lui sarebbe più o meno un terrorista, benché le bastonate sono state date dai poliziotti, al tempo di Confindustria duce per l’asse del Nazareno, sulle teste e le spalle che sostengono il paese: i lavoratori che contribuiscono alla ricchezza di tutti prima picchiati dagli agenti per pretestuosi motivi dimostrati e poi offesi dagli approfittatori e dagli evasori fiscali.

Di

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

SALVARE PALERMO: DAI PALEMITANI?

8 settembre 2021, Commenti disabilitati su SALVARE PALERMO: DAI PALEMITANI?

SI CHIAMA SQUADRISMO

31 agosto 2021, Commenti disabilitati su SI CHIAMA SQUADRISMO

Pasolini, l’amore e…il calcio.

13 luglio 2021, Commenti disabilitati su Pasolini, l’amore e…il calcio.

Gioco d’azzardo: come contrastare mafie e degenerazioni

9 giugno 2021, Commenti disabilitati su Gioco d’azzardo: come contrastare mafie e degenerazioni

Palermo, la scuola presidio di legalità, solidarietà e sostenibilità.

4 giugno 2021, Commenti disabilitati su Palermo, la scuola presidio di legalità, solidarietà e sostenibilità.

Video

Service Unavailable.