Pubblicato: mar, 25 Mar , 2014

Venezuela, dilaga la censura

Nel periodo di tensione che attanaglia un Venezuela spaccato in due, a pagarne le conseguenze sono i giornalisti, non più liberi di fare informazione
el nacional

Prima pagina di protesta de El Nacional

Il governo Maduro ha sferrato negli ultimi giorni un attacco violento contro la classe dei giornalisti venezuelani. Nella giornata di sabato, la Guardia Nazionale Bolivariana ha fatto irruzione nell’appartamento di un giornalista politico, causandone l’arresto ed un duro interrogatorio durato ben cinque ore. A seguito della vicenda i giornalisti hanno improntato una mobilitazione nazionale a Caracas, che si è conclusa nella violenza: una decina di cameraman e fotografi hanno perso la vita.

Come testimoniano i manifestanti stessi, la situazione dell’informazione in Venezuela diventa sempre più critica e la professione del giornalista risulta particolarmente pericolosa. Il contingentamento della carta necessaria per la stampa, attuato dal governo Maduro dal mese di febbraio, non permette una divulgazione adeguata delle notizie, il quotidiano di punta del Venezuela, El Nacional, è ridotto ad appena otto pagine, in cui ovviamente non c’è spazio per descrivere ciò che realmente accade nel paese.

Attualmente la maggior parte dell’informazione relativa al Venezuela viene ospitata dai giornali colombiani, senza i quali nessuno sarebbe a conoscenza di ciò che accade nel paese. I giornalisti continuano la loro lotta, urlando slogan come “Siamo giornalisti, non terroristi!”, ma da febbraio sino ad oggi la categoria ha contato ben 35 vittime e, senza un tempestivo intervento, non riusciranno a resistere ancora a lungo.

Di

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

L’anno che verrà si celebra a Crotone

30 dicembre 2023, Commenti disabilitati su L’anno che verrà si celebra a Crotone

Palermo, Borgo Parrini: il comune sfratta il bene confiscato alle mafie

13 dicembre 2023, Commenti disabilitati su Palermo, Borgo Parrini: il comune sfratta il bene confiscato alle mafie

Alla Sicilia e alla Calabria non servono ponti ma autostrade, ferrovie e aerei

26 novembre 2023, Commenti disabilitati su Alla Sicilia e alla Calabria non servono ponti ma autostrade, ferrovie e aerei

Operazione All in : Cosa Nostra e il business del gioco d’azzardo

25 novembre 2023, Commenti disabilitati su Operazione All in : Cosa Nostra e il business del gioco d’azzardo

Sicilia – Cuffaro alla conquista dell’Europa [o forse no?]

24 novembre 2023, Commenti disabilitati su Sicilia – Cuffaro alla conquista dell’Europa [o forse no?]

Video

Service Unavailable.