Pubblicato: lun, 9 Giu , 2014

Omicidio Politkovskaya, cinque condanne ma nessun mandante

Cinque condanne, tra cui due ergastoli, per l’omicidio della giornalista russa avvenuto il 7 ottobre del 2006

anna_politkovskajaLa corte di Mosca con la sentenza letta dal giudice Pavel Melekhin ha condannato Rustam Makhmudov e suo zio Lom-Ali Gaitukayev all’ergastolo per l’omicidio di Anna Politkovskaya. Makhmudov,  latitante fino al 2011, è accusato di essere l’esecutore materiale dell’omicidio della giornalista russa avvenuto il 7 ottobre 2006.  Lom-Ali Gaitukayev dovrà invece scontare il carcere a vita per essere stato l’organizzatore dell’agguato nell’ascensore del palazzo dove viveva la giornalista del giornale Novaya Gazeta, che con i suoi articoli denunciava le violazioni dei diritti umani in Russia e in Cecenia. Gli altri tre imputati, i fratelli Ibragim e Dzhabrail Makhmudov e l’ex funzionario della polizia moscovita Serghei Khadzhikurbanov, sono stati condannati a pene tra i 12 e i 20 anni per aver partecipato a vario titolo al delitto. La difesa ha già annunciato ricorso.

Quello appena conclusosi è il terzo processo sull’omicidio di Anna Politkovskaya che soltanto lo scorso 21 maggio ha visto riconosciuti Rustam Makhmudov e Lom-Ali Gaitukayev colpevoli dell’omicidio della giornalista insieme ad altre tre persone, ma la storia giudiziaria è iniziata nel 2009 quando Dzhabrail e Ibragim Makhmudov e l’ex funzionario di polizia Khadzhikurbanov furono assolti in primo grado per insufficienza di prove e Rustam era ancora latitante. In seguito la corte suprema aveva annullato la sentenza di primo grado per gravi vizi procedurali e sospeso il processo d’appello per integrare e approfondire le indagini. Nel 2012 un alto ex poliziotto, Dmitri Pavliutchenkov, è stato condannato a 12 anni di lavori forzati per aver pedinato la vittima, aver fornito un’arma agli assassini e aver partecipato all’organizzazione.

Il figlio di Anna Politkovskaya, Ilia, a margine della sentenza si è detto contento del passo in avanti compiuto ma ha sottolineato che c’è ancora molto da fare, perché i mandanti di quello che ha tutta l’aria di essere un omicidio politico nei confronti di una giornalista che denunciava i soprusi del Cremlino, restano ancora ignoti e come sottolinea Ilia, trovarli «è la cosa più importante».

Di

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

NEL NOME DI SAN LUCA, DI POLSI E DELLA SANTA

2 luglio 2022, Commenti disabilitati su NEL NOME DI SAN LUCA, DI POLSI E DELLA SANTA

l’eredità delle stragi

24 maggio 2022, Commenti disabilitati su l’eredità delle stragi

40 anni dall’assassinio di Pio La Torre, eliminato dalla mafia

30 aprile 2022, Commenti disabilitati su 40 anni dall’assassinio di Pio La Torre, eliminato dalla mafia

Memoria e Storia : breve guida per capire il presente

23 aprile 2022, Commenti disabilitati su Memoria e Storia : breve guida per capire il presente

Generazioni che si ipotecano il futuro

4 aprile 2022, Commenti disabilitati su Generazioni che si ipotecano il futuro

Video

Service Unavailable.