Pubblicato: mar, 3 Giu , 2014

New York, bimbo di sei anni ucciso in ascensore

L’assassino, che ha fatto perdere le proprie tracce, è sospettato di un altro omicidio avvenuto due giorni fa, a soli due isolati di distanza dal luogo in cui è stato ucciso il bambino
L'identikit dell'assassino

L’identikit dell’assassino

Il piccolo Prince Joshua Avitto e la sua amica Mikayla Capers, erano andati a prendere un gelato a Brooklyn nel loro quartiere, ma nell’ascensore del loro palazzo hanno trovato un’uomo che li ha accoltellati. L’uomo non ancora identificato, ha ucciso il Prince Joshua, 6 anni, colpendolo ripetutamente al petto e ferito gravemente Mikayla, 7 anni con alcune pugnalate. Il bambino è morto immediatamente mentre Mikayla è riuscita a fuggire dall’ascensore del complesso di Boulevard Houses in Schenck Avenue dove vivono le famiglie dei due bambini. Mikayla è stata operata d’urgenza al New York-Presbyterian Hospital Columbia ma ha parlato con la polizia, descrivendo l’uomo che ha ucciso davanti a lei il suo amico. Prince Joshua era cugino di Taj Gibson, ala-centro dei Chicago Bulls che su Instagram ha pubblicato una foto del bambino scrivendo: «Hanno ucciso il mio piccolo superman, tra due settimane avrebbe compiuto 7 anni. Piangerò per sempre, questa non può essere la vita»

La polizia intanto sospetta che l’assassino di Prince Joshua possa essere lo stesso che due giorni fa a qualche isolato da Schenk Avenue ha ucciso una ragazza di 18 anni. La ragazza,  studentessa di una scuole per infermiere è stata uccisa con delle pugnalate inferte con un coltello che sembra essere identico a quello ritrovato sulla scena del delitto del piccolo Prince Joshua. «I coltelli usati sono simili, da cucina, con la lama lunga e il manico di plastica» ha detto il portavoce del Nypd Stephen Davies, sui coltelli non sono state ritrovate impronte ma sono in corso i test del Dna. Davies ha aggiunto che ci sarebbe un video registrato dalle telecamera di sorveglianza che «mostra una persona mentre si allontana dal luogo» dove è stata uccisa la ragazza e che corrisponde «alle descrizioni che abbiamo per il secondo attacco». «Abbiamo rafforzato la presenza di agenti nelle zone dove camminano i bambini e di fronte alle scuole, e continueremo a farlo. Lo prenderemo, e anche presto» ha dichiarato Bill Bratton, capo della polizia di New York, invitando i genitori a controllare i propri figli e consigliando loro «di avere la massima cautela».

Una donna che vive nel complesso di palazzi dove è avvenuto l’omicidio, afferma di aver visto l’aggressore andare aggirarsi tra i palazzi sia venerdì che domenica. «Indossava una felpa con il cappuccio grigia, un afroamericano sui 30 anni, massiccio e alto, con l’aspetto un po’ da folle – ha detto la donna – gli ho chiesto, chi sei? Cosa ci fai qui? Ma è andato via». Nel complesso delle Boulevard Houses purtroppo non ci sono telecamere di sorveglianza ma dopo questi avvenimenti e le proteste da parte degli abitanti delle case popolari la Housing Authority della città di New York ha prontamente assicurato che verranno installate anche nel complesso.

Di

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

La comunicazione mafiosa

3 luglio 2022, Commenti disabilitati su La comunicazione mafiosa

NEL NOME DI SAN LUCA, DI POLSI E DELLA SANTA

2 luglio 2022, Commenti disabilitati su NEL NOME DI SAN LUCA, DI POLSI E DELLA SANTA

l’eredità delle stragi

24 maggio 2022, Commenti disabilitati su l’eredità delle stragi

40 anni dall’assassinio di Pio La Torre, eliminato dalla mafia

30 aprile 2022, Commenti disabilitati su 40 anni dall’assassinio di Pio La Torre, eliminato dalla mafia

Memoria e Storia : breve guida per capire il presente

23 aprile 2022, Commenti disabilitati su Memoria e Storia : breve guida per capire il presente

Video

Service Unavailable.