Pubblicato: mar, 13 Mag , 2014

Calabria, falsi incidenti stradali: truffa da 5 milioni di euro

Venti le persone arrestate, 156 quelle denunciate. Sequestrati beni per oltre 2 milioni di euro

 

modulo cid

Modulo per il risarcimento diretto del danno

   Gli agenti del Nucleo di polizia tributaria del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Catanzaro hanno eseguito, questa mattina, numerosi arresti e ingenti sequestri di beni per smantellare un sodalizio criminale accusato di associazione per delinquere, finalizzata alla truffa ai danni di compagnie di assicurazione e del Fondo di garanzia delle vittime della strada.

  Su richiesta della Procura della Repubblica presso il Tribunale del capoluogo calabrese, il Gip ha emesso 20 ordinanze di custodia cautelare, 16 delle quali in carcere. Ha disposto il sequestro di beni mobili e immobili per un valore di 2 milioni di euro, in particolare di 17 unità abitative tra le province di Cosenza e Catanzaro, e di somme di denaro, 700 mila euro, depositate su numerosi conti correnti. Le persone denunciate, invece, sono 156.

  L’operazione, denominata “Violentemente investito”, è frutto di un’intensa attività investigativa durata tre anni. Intercettazioni telefoniche, ambientali e telematiche, accertamenti bancari e patrimoniali hanno rivelato una truffa da 5 milioni di euro.

  Gli investigatori, tra il 2009 e il 2012, avrebbero scoperto sinistri stradali denunciati, ma mai avvenuti o avvenuti e aggravati nelle conseguenze, per ottenere indennizzi dalle compagnie di assicurazione.

  La truffa sarebbe stata orchestrata da un avvocato del foro catanzarese, finito in manette con il fratello che lo avrebbe aiutato a procacciare clienti.  Il legale, secondo gli inquirenti, avrebbe ideato la dinamica dei falsi sinistri, provvedendo anche a procurare le autovetture danneggiate, i testimoni e, grazie a un medico compiacente, le certificazioni peritali. Laddove non vi fosse stata controparte o non vi fosse stata copertura assicurativa, la richiesta di risarcimento sarebbe stata inoltrata al Fondo di garanzia delle vittime della strada.

  I beneficiari degli indennizzi, gran parte dei quali denunciati, una volta ottenute le somme a titolo di risarcimento dalla compagnia di assicurazione, avrebbero versato una parte del denaro illecitamente percepito agli organizzatori della truffa.

Di

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

L’anno che verrà si celebra a Crotone

30 dicembre 2023, Commenti disabilitati su L’anno che verrà si celebra a Crotone

Palermo, Borgo Parrini: il comune sfratta il bene confiscato alle mafie

13 dicembre 2023, Commenti disabilitati su Palermo, Borgo Parrini: il comune sfratta il bene confiscato alle mafie

Alla Sicilia e alla Calabria non servono ponti ma autostrade, ferrovie e aerei

26 novembre 2023, Commenti disabilitati su Alla Sicilia e alla Calabria non servono ponti ma autostrade, ferrovie e aerei

Operazione All in : Cosa Nostra e il business del gioco d’azzardo

25 novembre 2023, Commenti disabilitati su Operazione All in : Cosa Nostra e il business del gioco d’azzardo

Sicilia – Cuffaro alla conquista dell’Europa [o forse no?]

24 novembre 2023, Commenti disabilitati su Sicilia – Cuffaro alla conquista dell’Europa [o forse no?]

Video

Service Unavailable.