Pubblicato: gio, 2 Gen , 2014

Bomba a Beirut nel quartiere di Hezbollah

L’esplosione nella parte sud della città ha provocato cinque morti e venti feriti

 

Nabih Berri

Nabih Berri

Non è ancora chiara la dinamica dell’esplosione avvenuta nel primo pomeriggio a Beirut, così come è ancora provvisorio il bilancio delle vittime: cinque morti e venti feriti. Le prime immagini trasmesse dalla tv libanese mostrano edifici sventrati e auto carbonizzate per la forte esplosione causata da quella che al momento sembra essere un autobomba, anche se non si esclude che nell’attentato ne siano state utilizzate altre. La bomba è esplosa  nel quartiere di Bir al Abed,  al centro del cosiddetto «quadrato di sicurezza» di Hezbollah, vicino alla vecchia sede della tv del movimento sciita e a poche centinaia di metri dal palazzo che ospita l’attuale ufficio politico del Partito di Dio. 

Quello di oggi è il secondo attentato in meno di una settimana. Il 27 dicembre un’altra autobomba aveva ucciso l’ex ministro delle Finanze, Mohammad Shatah, di credo sunnita. Pochi giorni dopo, il presidente del parlamento libanese, Nabih Berri, aveva dichiarato che un nuovo omicidio politico sarebbe stato prossimo, questa volta però indirizzato verso un obiettivo sciita. Lo sciita Berri, aveva per questo motivo allertato la sicurezza del suo partito, il Movimento Amal. Nonostante le precauzioni e nonostante il livello d’attenzione fosse stato innalzato, stamattina è avvenuto quello che Berri temeva e Beirut si ritrova a contare le vittime di un nuovo attentato dopo appena sei giorni.

Di

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

L’anno che verrà si celebra a Crotone

30 dicembre 2023, Commenti disabilitati su L’anno che verrà si celebra a Crotone

Palermo, Borgo Parrini: il comune sfratta il bene confiscato alle mafie

13 dicembre 2023, Commenti disabilitati su Palermo, Borgo Parrini: il comune sfratta il bene confiscato alle mafie

Alla Sicilia e alla Calabria non servono ponti ma autostrade, ferrovie e aerei

26 novembre 2023, Commenti disabilitati su Alla Sicilia e alla Calabria non servono ponti ma autostrade, ferrovie e aerei

Operazione All in : Cosa Nostra e il business del gioco d’azzardo

25 novembre 2023, Commenti disabilitati su Operazione All in : Cosa Nostra e il business del gioco d’azzardo

Sicilia – Cuffaro alla conquista dell’Europa [o forse no?]

24 novembre 2023, Commenti disabilitati su Sicilia – Cuffaro alla conquista dell’Europa [o forse no?]

Video

Service Unavailable.