Pubblicato: sab, 12 Apr , 2014

Amazon paga chi decide di lasciare il lavoro

Il programma “Pay to quit” è stato ideato affinché restino soltanto gli impiegati più motivati
Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon

Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon

C’è chi lavora e non viene pagato, e chi viene pagato per lasciare il lavoro. Sembra un paradosso ma l’ultima idea di Jeff Bezos, amministratore delegato di Amazon è reale. Nell’annuale lettera agli azionisti dove si fa un bilancio dei risultati ottenuti e si anticipano i piani futuri, l’amministratore delegato del più grande venditore online del mondo, ha spiegato di voler adottare un sistema per motivare i dipendenti: offrire annualmente agli impiegati migliaia di dollari per lasciare il proprio posto di lavoro. Il programma “Pay to quit” (Paga per lasciare) è stato inventato da Zappos, un altro sito di e-commerce, e pare che adesso anche Amazon voglia seguirne l’esempio. «Una volta all’anno, ci offriamo di dare dei soldi ai nostri dipendenti per farli dimettere. Il primo anno l’offerta è di 2mila dollari. La cifra aumenta di mille dollari ogni anno fino a raggiungere i 5mila dollari. L’offerta – spiega Bezos – è accompagnata dalla frase: “Per favore, non accettare questa offerta”».

Il “Pay to quit”, metodo utilizzato di solito da aziende in crisi che vogliono tagliare i costi del personale, è secondo Jeff Bezos il modo di mantenere in organico soltanto i dipendenti più motivati e contenti del proprio lavoro. «L’obiettivo – dichiara Bezos – è incoraggiare i dipendenti a prendersi un momento per pensare a ciò che vogliono davvero fare. Nel lungo periodo, un impiegato che resta in un posto di lavoro dove non vuole stare fa un danno a se stesso e all’azienda».

Di

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

Covid: l’allarme degli specialisti sulla natura multisistemica della malattia nel lungo periodo.

26 novembre 2021, Commenti disabilitati su Covid: l’allarme degli specialisti sulla natura multisistemica della malattia nel lungo periodo.

Povertà e pensieri lunghi.

25 novembre 2021, Commenti disabilitati su Povertà e pensieri lunghi.

25 novembre contro la violenza di genere

24 novembre 2021, Commenti disabilitati su 25 novembre contro la violenza di genere

Rifiuti, rifiuti nucleari.

23 novembre 2021, Commenti disabilitati su Rifiuti, rifiuti nucleari.

La prima condanna del tribunale di Monaco a una foreign fighter dell’ISIS.

14 novembre 2021, Commenti disabilitati su La prima condanna del tribunale di Monaco a una foreign fighter dell’ISIS.

Video

Service Unavailable.