Pubblicato: dom, 4 Mag , 2014

Alitalia-Etihad, forse è fumata bianca

L’ipotesi di una newCo potrebbe far cadere le resistenze delle banche ma non mancano i dubbi.

Alitalia-Etihad-trattativa-quasi-conclusa-tra-le-proteste-di-Lufthansa-1Quando l’accordo tra Alitalia ed Etihad sembrava sul punto di saltare per il no irremovibile di Intesa alla proposta degli arabi di ristrutturazione del debito, è stato trovato l’uovo di Colombo che dovrebbe, il condizionale è d’obbligo, permettere la felice conclusione delle trattative.

Verrà creata una newCo, partecipata al 49% da Etihad e al 51% da CAI che darà vita al nuovo vettore che già, in ambiente giornalistico, è stata informalmente ribattezzato Alihad. Dentro questo contenitore andranno a finire le parti “buone” di Alitalia ovvero i mezzi, gli slot, le tratte e i lavoratori necessari a rendere la compagnia operativa. A dare la benzina iniziale alla newCo sarà il sostanzioso aumento di capitale di circa 500 milioni di Etihad e 200 milioni dei soci italiani.

Accanto ad “Alihad” verrà creata una bad company in cui confluiranno i contenziosi legali, i debiti e gli esuberi che saranno in capo ai soci dell’attuale Alitalia. Tale schema non è nuovo, proprio la compagnia di bandiera italiana utilizzò, per evitare il fallimento, questo accorgimento allorché la vecchia Alitalia pubblica, nel 2009, lasciò il posto alla CAI.

L’accordo non è ancora definito e martedì l’ad Del Torchio incontrerà i vertici della compagnia mediorientale, ad Abu Dhabi, per fare un ulteriore passo avanti e iniziare, forse, a mettere nero su bianco il compromesso raggiunto. L’ottimismo è tanto ma non mancano i dubbi: da un lato Colaninno, presidente CAI, non ha mai interrotto i contatti con Air France e oggi il ministro Lupi ha definito inaccettabile l’idea di una bad company. Alitalia è un’azienda totalmente privata ma, data la sua importanza, il Governo è un attore partecipe alle trattative quindi non è da escludere che l’intervento di Lupi possa fermare o quantomeno modificare l’intesa. Inoltre resta da vedere chi si accollerà la bad company, ovvero se le banche accetteranno di farsi carico dei debiti.

Dubbi anche da parte dei sindacati i quali, ovviamente, chiedono numi sul piano industriale. L’accordo con Etihad, rispetto a quello paventato in passato con Air France, permetterebbe ad Alitalia di mantenere il suo status di importante vettore internazionale ma ancora non è chiaro quale sarà il destino degli esuberi previsti, probabilmente 3000, e quale, nel dettaglio, la sorte degli scali italiani, Malpensa in primis.

Di

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

Covid: l’allarme degli specialisti sulla natura multisistemica della malattia nel lungo periodo.

26 novembre 2021, Commenti disabilitati su Covid: l’allarme degli specialisti sulla natura multisistemica della malattia nel lungo periodo.

Povertà e pensieri lunghi.

25 novembre 2021, Commenti disabilitati su Povertà e pensieri lunghi.

25 novembre contro la violenza di genere

24 novembre 2021, Commenti disabilitati su 25 novembre contro la violenza di genere

Rifiuti, rifiuti nucleari.

23 novembre 2021, Commenti disabilitati su Rifiuti, rifiuti nucleari.

La prima condanna del tribunale di Monaco a una foreign fighter dell’ISIS.

14 novembre 2021, Commenti disabilitati su La prima condanna del tribunale di Monaco a una foreign fighter dell’ISIS.

Video

Service Unavailable.