Pubblicato: mer, 9 Ott , 2013

Napolitano propone indulto o amnistia e scoppia la polemica

Il messaggio alle Camere del presidente della Repubblica che propone un atto di clemenza per arginare l’emergenza carceri scatena lo scontro tra il Colle e i 5 Stelle.

 

 

Nella giornata di martedì il presidente della Repubblica ha inviato un messaggio alle Camere per sollecitarle a trovare una situazione all’annosa questione carceraria: l’indulto, l’amnistia e la depenalizzazione di alcuni reati sono tra i provvedimenti suggeriti dal capo dello Stato per arginare il problema del sovraffollamento dei penitenziari.

I dati, rintracciabili sul sito del ministero della giustizia, sono impietosi. Al 30 settembre 2103 vi erano 64.758 detenuti a fronte di una capienza massima di 47.615 posti, tra i carcerati ben 12.333 erano in attesa di primo giudizio e altri 12.302 in attesa di giudizio definitivo, in pratica quasi un terzo dei detenuti erano, e sono, in carcere senza una sentenza passata in giudicato.  Situazione questa, che oltre a rendere le prigioni dei luoghi di tortura in cui lo Stato di Diritto è assente, ha già causato all’Italia la condanna da parte della Corte di Strasburgo e vanifica alla radice la funzione rieducativa della pena come previsto dall’articolo 27 della Costituzione.

Le reazioni al messaggio del Quirinale non si sono fatte attendere. Lega Nord e Fratelli d’Italia hanno subito rifiutato ogni ipotesi di atto di clemenza, favorevoli invece PdL, Scelta Civica, PD e SEL. Particolarmente polemica la posizione del Movimento 5 Stelle: i grillini hanno letto nelle richiesta del capo dello Stato un tentativo di salvare Berlusconi e hanno di conseguenza attaccato a testa bassa Napolitano. Piccata e inusualmente diretta la risposta del presidente: “Chi pensa che l’amnistia sia un provvedimento pro-Berlusconi ha un solo pensiero fisso e se ne frega dei problemi del Paese”. A confutare la tesi pentastellata è intervenuta anche il ministro della giustizia Cancellieri che ha ricordato come spetti solo al Parlamento, a maggioranza qualificata, decidere per quali reati far valere l’amnistia e non è mai accaduto che siano stati ricompresi i reati finanziari. Anche il PD, per bocca del responsabile giustizia Danilo Leva, ha voluto sottolineare come i democratici si opporranno ad ogni forma di clemenza che includa reati particolarmente odiosi o di natura economico-finanziaria.

Il problema carcerario non è una novità in Italia. Negli ultimi anni sono stati due i provvedimenti di maggior peso che hanno tentato di porvi rimedio: l’indulto del 2006 e il cosiddetto “decreto svuota-carceri” del 2010. Nonostante quest’ultimo prevedesse alcune misure di sistema, ad esempio l’impossibilità di carcerazione preventiva per i reati con pena inferiore ai 5 anni e la previsione di scontare gli ultimi anni di carcere ai domiciliari, i risultati conseguiti sono stati insufficienti.

L’indulto o l’amnistia, qualora venissero approvati, e per farlo è necessaria la maggioranza dei 2/3 in entrambe le Camere, avrebbero sicuramente degli effetti positivi nel brevissimo periodo ma non risolverebbero il problema nel medio e lungo periodo, semplicemente rinviando, come accaduto per l’indulto del 2006, di qualche anno l’emergenza.

Per risolvere la questione è necessario agire su più piani. Riformare il codice penale e quello di procedura eliminando la pena detentiva per molti reati che non destano allarme sociale, aumentando il ricorso a pene alternative, rendendo più veloci i processi e limitando l’uso della carcerazione preventiva dato che ben 1/3 dei detenuti è in attesa di giudizio. Infine è d’obbligo intervenire sull’edilizia carceraria, non solo per aumentare i posti disponibili ma, soprattutto, per modernizzare le strutture, fatiscenti prima ancora che sovraffollate.

Di

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

Covid: l’allarme degli specialisti sulla natura multisistemica della malattia nel lungo periodo.

26 novembre 2021, Commenti disabilitati su Covid: l’allarme degli specialisti sulla natura multisistemica della malattia nel lungo periodo.

Povertà e pensieri lunghi.

25 novembre 2021, Commenti disabilitati su Povertà e pensieri lunghi.

25 novembre contro la violenza di genere

24 novembre 2021, Commenti disabilitati su 25 novembre contro la violenza di genere

Rifiuti, rifiuti nucleari.

23 novembre 2021, Commenti disabilitati su Rifiuti, rifiuti nucleari.

La prima condanna del tribunale di Monaco a una foreign fighter dell’ISIS.

14 novembre 2021, Commenti disabilitati su La prima condanna del tribunale di Monaco a una foreign fighter dell’ISIS.

Video

Service Unavailable.