Pubblicato: mar, 6 Mag , 2014

Ucraina, per i russi è “emergenza umanitaria”

La Russia denuncia i crimini dei lealisti mentre continuano i combattimenti nell’est e i tentativi di mediazione delle cancellerie internazionali

 

altissima_tensione_in_ucraina_kiev_attacca_i_filorussi_vittime-0-0-398600Sempre più tragica la situazione in Ucraina. Continua l’assedio di Sloviansk, la roccaforte degli insorti filorussi, e negli scontri delle ultime ore si registrerebbero 4 morti e 30 feriti tra i governativi, che hanno perso anche un elicottero, e 10 morti e 25 feriti tra i separatisti.

La Russia, che nei giorni scorsi aveva dichiarato di non controllare più i filorussi (ammettendo quindi che prima li controllava), afferma per bocca del suo ministro degli Esteri che nella città ucraine dell’est è in corso una vera catastrofe umanitaria con medicinali e cibo che scarseggiano e, inoltre, ha denunciato le ripetute violazioni dei diritti umani da parte di forze paramilitari lealiste e gruppi neonazisti nei confronti della popolazione russofona.

Mentre si continua a combattere  in quella che appare sempre più una guerra civile e non un’insurrezione, la diplomazia internazionale cerca di adoperarsi per trovare una soluzione. Se il segretario generale dell’ONU Ban Ki-Moon offre la sua disponibilità per far da mediatore tra le parti, il ministro degli Esteri tedesco rilancia la proposta di una seconda conferenza di pace a Ginevra dopo che la prima si è rivelata un fallimento. Le possibilità di successo di queste due iniziative, purtroppo, sembrano minime, tutto infatti ruoterà attorno a due date: l’11 maggio e il 25 maggio. L’11 si terrà il referendum sulla secessione nelle regioni di Lugansk e Donetsk il cui risultato appare prevedibile, motivo per cui l’esercito ucraino è passato all’attacco in questi giorni. L’obiettivo è evitare una consultazione che potrebbe dare l’input finale alla dissoluzione dello Stato ex-sovietico. Il 25 maggio dovrebbero tenersi, invece, le elezioni presidenziali ma più passa in tempo più è chiaro che queste avranno scarsa validità: sia perché parti del Paese per allora potrebbero essere in guerra o non più assoggettate a Kiev sia perché l’ingombrante vicino russo ha più volte dichiarato di non considerare regolare la consultazione del 25 e quindi, probabilmente, non ne riconoscerà l’esito e tenterà di sabotarle.

Di

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

l’eredità delle stragi

24 maggio 2022, Commenti disabilitati su l’eredità delle stragi

40 anni dall’assassinio di Pio La Torre, eliminato dalla mafia

30 aprile 2022, Commenti disabilitati su 40 anni dall’assassinio di Pio La Torre, eliminato dalla mafia

Memoria e Storia : breve guida per capire il presente

23 aprile 2022, Commenti disabilitati su Memoria e Storia : breve guida per capire il presente

Generazioni che si ipotecano il futuro

4 aprile 2022, Commenti disabilitati su Generazioni che si ipotecano il futuro

Bavaglio a magistrati e al diritto di informazione

1 aprile 2022, Commenti disabilitati su Bavaglio a magistrati e al diritto di informazione

Video

Service Unavailable.