Pubblicato: gio, 13 Mar , 2014

Turchia: il popolo contro Erdogan

La tensione in Turchia cresce sempre di più, a due settimane dalle elezioni, il popolo insorge chiedendo le dimissioni di Erdogan
erdogan

Recep Tayyip Erdogan

La posizione del premier turco Erdogan, al centro di uno scandalo politico e finanziario, peggiora ulteriormente. Il popolo adesso invoca accoratamente le sue dimissioni, alimentando il clima di tensione in previsione delle elezioni delle prossime settimane.

La giornata di ieri è stata particolarmente calda: in occasione del funerale di Berkin Elvan, 15enne morto dopo quasi un anno di coma a seguito delle violenze inflitte dalla polizia durante gli scontro di Gezi Park, la folla si è raccolta per le strade di Istanbul, costruendo barricate e gridando slogan anti-governativi. L’intervento della polizia ha provocato decine di feriti e due morti, oltre ad una indefinita quantità di manifestanti portati nelle centrali.

Negli ultimi giorni i cortei e le manifestazioni hanno cominciato a prender piede anche in altre città della Turchia, come ad Ankara, Smirne e Adana. Il governo si prepara a predisporre misure speciali da qui alle prossime due settimane, in attesa delle attese e al contempo temute elezioni.

Di

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

Perché la politica non parla di mafia?

14 agosto 2022, Commenti disabilitati su Perché la politica non parla di mafia?

Arresti domiciliari e Detenzione domiciliare

12 agosto 2022, Commenti disabilitati su Arresti domiciliari e Detenzione domiciliare

UE non approva la riforma Cartabia sul penale

10 agosto 2022, Commenti disabilitati su UE non approva la riforma Cartabia sul penale

17.57

9 agosto 2022, Commenti disabilitati su 17.57

La trattativa stato-mafia ci fu, ma per “fini solidaristici”

8 agosto 2022, Commenti disabilitati su La trattativa stato-mafia ci fu, ma per “fini solidaristici”

Video

Service Unavailable.