Pubblicato: mar, 15 Ott , 2013

Prezzi al consumo: a settembre -0,3%

A settembre 2013, l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività, diminuisce dello 0,3% su base mensile.

 

soldiL’indice nazionale dei prezzi al consumo diminuisce dello 0,3% su base mensile e aumenta dello 0,9% su base annua, quando ad agosto era +1,2%, confermando così le stime preliminari. E’ questo il primo dato che emerge dalla consueta analisi dell’Istat sui prezzi al consumo. Il rallentamento dell’inflazione è ampiamente ascrivibile ai beni energetici, al netto dei quali, la crescita tendenziale dell’indice dei prezzi al consumo resta stazionaria all’1,3%. Scendendo nel dettaglio, malgrado i prezzi dei beni energetici non regolamentati registrino un rialzo mensile dell’1,0%, questo risulta molto più contenuto rispetto a quello di settembre 2012. Questo fenomeno, secondo il nostro Istituto nazionale di statistica, accentua la flessione tendenziale dei prezzi dei beni energetici e contribuisce così, “con la riduzione della crescita annua dei prezzi dei Beni alimentari non lavorati e dei Servizi relativi ai Trasporti, al calo dell’inflazione a settembre”.

Il rialzo mensile dei prezzi dei beni energetici non regolamentati risulta bilanciato dai prezzi dei servizi relativi ai trasporti (-5,0%), dalla frutta fresca (-4,8%) e dai servizi relativi alle comunicazioni (-1,1%). L’inflazione acquisita per il 2013 scende all’1,3% dall’1,4% di agosto. A settembre l’inflazione di fondo, calcolata al netto dei beni energetici e degli alimentari freschi, rimane stabile all’1,2%. Facendo il confronto con settembre 2012, il tasso di crescita dei prezzi dei beni scende allo 0,4%, dallo 0,8% di agosto, e quello dei prezzi dei servizi scende all’1,5%, quando era +1,6% nel mese precedente. Pertanto, il differenziale inflazionistico tra servizi e beni si amplia di tre decimi di punto percentuale rispetto ad agosto 2013.

I prezzi dei prodotti ad alta frequenza di acquisto si attestano in aumento dello 0,2% su base mensile e dell’1,0% su base annua, dal +1,7% di agosto. A settembre 2013, l’indice armonizzato dei prezzi al consumo aumenta dell’1,8% su base mensile e dello 0,9% nei confronti di settembre 2012, quando ad agosto era +1,2%, confermando, tra l’altro, le stime preliminari. Il rialzo congiunturale è principalmente da attribuire alla fine dei saldi estivi. L’indice armonizzato dei prezzi al consumo a tassazione costante aumenta dell’1,8% in termini congiunturali e dello 0,9% in termini tendenziali. L’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, al netto dei tabacchi, diminuisce dello 0,4% su base mensile e cresce dello 0,8% rispetto a settembre 2012.

Di

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

l’eredità delle stragi

24 maggio 2022, Commenti disabilitati su l’eredità delle stragi

40 anni dall’assassinio di Pio La Torre, eliminato dalla mafia

30 aprile 2022, Commenti disabilitati su 40 anni dall’assassinio di Pio La Torre, eliminato dalla mafia

Memoria e Storia : breve guida per capire il presente

23 aprile 2022, Commenti disabilitati su Memoria e Storia : breve guida per capire il presente

Generazioni che si ipotecano il futuro

4 aprile 2022, Commenti disabilitati su Generazioni che si ipotecano il futuro

Bavaglio a magistrati e al diritto di informazione

1 aprile 2022, Commenti disabilitati su Bavaglio a magistrati e al diritto di informazione

Video

Service Unavailable.