Pubblicato: lun, 24 Feb , 2014

Palermo, ripensare i CIT per il turismo

Inaugurato oggi un nuovo CIT, fa parte della strategia per rilanciare il turismo a Palermo

 

rendering di uno dei nuovi CIT

rendering di uno dei nuovi CIT

É stato inaugurato oggi, a Palermo, il nuovo CIT (Centro informazione turistica) sito in Largo Cavalieri del Santo Sepolcro, nei pressi della centralissima Piazza Bellini alla presenza dei membri dell’Authority per il Turismo, del sindaco Leoluca Orlando e dell’assessore alla Cultura Francesco Giambrone. Il restyling esterno e il ripensamento del funzionamento dei CIT entra nella strategia di destagionalizzazione e di rilancio del turismo nella città di Palermo.

Nonostante il capoluogo siciliano possa contare sull’aumentato afflusso delle navi da crociere, di un clima invidiabile e di bellezze architettoniche senza pari, ha visto negli ultimi anni un calo delle presenze di turisti con un’evidente ripercussione sulla già martoriata economia cittadina. Lo stato dei servizi, la sporcizia della città e la mancata strategia nell’attrazione dei turisti sono le cause principali del problema.

L’implementazione dei CIT è, per l’Amministrazione comunale, un passaggio obbligato per risolvere la questione. Come sottolineato oggi dall’assessore Francesco Giambrone, i nuovi CIT non saranno solo dei punti per informare i turisti ma forniranno loro anche una serie di servizi, tra questi, in collaborazione con Federalbergi, Confindustria Turismo e il Consorzio PalermHotels, la possibilità per i visitatori di prenotare gratuitamente l’albergo per il soggiorno. Le sinergie non finiscono qui, grazie alla collaborazione anche con l’Università di Palermo, è prevista l’utilizzo di alcuni studenti della facoltà di Scienze del Turismo per affiancare il personale comunale e degli alberghi per ampliare l’offerta, creando una sorta centri d’informazione anche all’interno degli alberghi. «Inseme all’Authority per il Turismo stiamo cercando di creare una specie di centro per l’informazione turistica diffusa» sono state le parole dell’assessore.

Alcuni CIT esistenti saranno ricostruiti utilizzando strutture ecocompatibili, mentre altri, come quello nei pressi della Stazione Centrale, sarà spostato in immobili già di proprietà comunale.

Di

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

Premio Borsellino, sezione Giustizia e Legalità, conferito al sindaco di Palermo Lagalla

5 dicembre 2022, Commenti disabilitati su Premio Borsellino, sezione Giustizia e Legalità, conferito al sindaco di Palermo Lagalla

Sciolti per mafia i comuni di Anzio e Cosoleto, commissariato Nettuno

23 novembre 2022, Commenti disabilitati su Sciolti per mafia i comuni di Anzio e Cosoleto, commissariato Nettuno

Succede qualcosa a sinistra?

21 novembre 2022, Commenti disabilitati su Succede qualcosa a sinistra?

Muri, barriere e filo spinato, tra speranza e disumanità organizzata

18 novembre 2022, Commenti disabilitati su Muri, barriere e filo spinato, tra speranza e disumanità organizzata

un latitante in cambio delle riforme del codice penale

14 novembre 2022, Commenti disabilitati su un latitante in cambio delle riforme del codice penale

Video

Service Unavailable.