Pubblicato: gio, 16 Gen , 2014

Lettera in codice del boss confidente di Riina

Alberto Lorusso, capomafia della Sacra Corona Unita, lascia in cella una lettera scritta in alfabeto fenicio, nelle cui prime parole si parla di una attentato
Toto-Riina

Salvatore Riina, detenuto al 41 bis nel carcere milanese di Opera

Alberto Lo Russo, l’uomo che in questi ultimi anni ha trascorso l’ora d’aria con il boss Totò Riina, nel carcere milanese di Opera, nascondeva in cella una lettera misteriosa, scritta con l’alfabeto Fenicio. Gli agenti Dia hanno decifrato parole inquietanti: “Attenato”, “papello”, “bagarella”. A scriverle il capomafia pugliese della Sacra Corona Unita, che fra luglio e novembre è stato intercettato mentre raccoglieva gli ordini di morte del capo di Cosa Nostra nei confronti del sostituto procuratore Nino Di Matteo. Il 16 novembre Riina aveva ordinato a Lorusso un attentato per il pubblico ministero “Facciamola grossa questa cosa e non ne parliamo più”.

L’indagine dei pm di Palermo adesso è concentrata  su Lorusso, che non trascorre più l’ora d’aria con Riina e si è chiuso in un silenzio profondo. L’uomo è emerso essere un esperto di crittografia e più volte sono state scoperte dai magistrati lettere scritte da lui in codice.

Il 23 dicembre i pm di Palermo interrogano Lorusso e ordinano la perquisizione della sua cella dove viene trovata le lettera in codice. Tre giorni fa il comitato provinciale per l’ordine pubblico assegna a Di Matteo un elicottero per i suoi spostamenti più delicati.

Di

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

L’appello – I compagni di Giuseppe Di Matteo

28 maggio 2024, Commenti disabilitati su L’appello – I compagni di Giuseppe Di Matteo

UNA STRADA PER IL SUD

26 maggio 2024, Commenti disabilitati su UNA STRADA PER IL SUD

LE MAFIE SONO UNA REALTÀ DEVASTANTE CON CUI FARE I CONTI, ANCHE IN TOSCANA

19 aprile 2024, Commenti disabilitati su LE MAFIE SONO UNA REALTÀ DEVASTANTE CON CUI FARE I CONTI, ANCHE IN TOSCANA

CON LA POVERTA’ CRESCONO ANCHE LE MAFIE

28 marzo 2024, Commenti disabilitati su CON LA POVERTA’ CRESCONO ANCHE LE MAFIE

L’anno che verrà si celebra a Crotone

30 dicembre 2023, Commenti disabilitati su L’anno che verrà si celebra a Crotone

Video

Service Unavailable.