Pubblicato: gio, 19 Dic , 2013

La misoginia alla fermata del bus

La campagna promossa da Pubblicità Progresso contro la violenza sulle donne suscita già scalpore

 

puntosuditeFar venire a galla la misoginia più degradante e permeata di violenza della società italiana non è impresa facile, ma alle fermate degli autobus delle più grandi città del nostro paese è già accaduto, in sole 48 ore.

Si tratta dell’esperimento promosso da Pubblicità Progresso relativo alla campagna contro la violenza sulle donne Punto su di te: nelle principali fermate dei mezzi pubblici sono stati affissi dei ritratti di donne ed un messaggio da completare, come «Vorrei che mio marito…» oppure «Dopo gli studi mi piacerebbe…» e così via. In 48 ore gli spazio vuoti lasciati appositamente per completare le sognanti frasi delle donne ritratte sono stati riempiti di insulti e parole umilianti, nella migliore tradizione degli imbrattatori di manifesti pubblici. Purtroppo però in questo caso c’è di più, non si tratta solo di vandalismo metropolitano ma dell’emergere della misoginia che ci circonda. Questo è proprio l’obiettivo della campagna, sconvolgere la popolazione davanti a questo chiaro esempio di come la donna venga ancora considerata alla mercé del volere dell’uomo; scrivere frasi oscene in questo contesto rappresenta evidentemente un impulso troppo forte a cui resistere, un’esca per smascherare la reale percezione del genere femminile in Italia.

A gennaio la campagna verrà pubblicizzata in tutto il paese, senza la possibilità di scrivervi sopra insulti volgari; del resto il claim stesso della Pubblicità Progresso parla chiaro e arriva dritto al punto: In Italia le donne non possono esprimersi al 100%.

Di

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

Caso Impastato: il fratello Giovanni risponde al generale Subbranni

17 settembre 2018, Commenti disabilitati su Caso Impastato: il fratello Giovanni risponde al generale Subbranni

Fine vita. Formazione gratuita per i giornalisti e gli avvocati.

11 settembre 2018, Commenti disabilitati su Fine vita. Formazione gratuita per i giornalisti e gli avvocati.

Destra estrema

30 agosto 2018, Commenti disabilitati su Destra estrema

Diciotti: una vicenda vergognosa

24 agosto 2018, Commenti disabilitati su Diciotti: una vicenda vergognosa

Riace: un modello di accoglienza

13 agosto 2018, Commenti disabilitati su Riace: un modello di accoglienza

Video


Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: Entity: line 1: parser error : Start tag expected, '<' not found in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: No longer available in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Warning: simplexml_load_string() [function.simplexml-load-string]: ^ in /home/content/92/11782892/html/wp-content/plugins/youtube-sidebar-widget/youtube-sidebar-widget.php on line 82

Service Unavailable.