Pubblicato: mer, 5 Feb , 2014

Il rapporto dei questori: «Impedita fisicamente l’espressione del voto»

M5s voleva bloccare la Camera. Censurato Dambruoso
Il momento del pugno di Dambruoso (immagini tratte dal web)

Il momento del pugno di Dambruoso (immagini tratte dal web)

«Numerosi parlamentari, hanno adottato comportamenti che, esulando da ogni forma legittima di ostruzionismo o di contestazione, sono stati finalizzati ad ostacolare materialmente, vale a dire attraverso forme fisiche di impedimento, il funzionamento degli organi parlamentari e a precludere ad altri deputati la possibilità di esercitare le proprie funzioni», è il resoconto stilato dai deputati questori sul parapiglia scoppiato all’approvazione del dl Imu-Bankitalia, in aula a Montecitorio il 29 e il 30 gennaio.

Secondo quanto riportato dai questori Paolo Fontanelli e Gregorio Fontana «Mai prima d’ora, infatti, erano stati messi in atto da parte di un gruppo così numeroso di deputati comportamenti volti a impedire fisicamente l’espressione del voto da parte degli altri deputati o la partecipazione ai lavori di un organo parlamentare». «Si tratta – spiegano nella relazione – di un fenomeno di eccezionale gravità sul piano istituzionale che deve essere chiaramente contrastato con la dovuta fermezza» con sanzioni, come previsto dal regolamento, che andranno dai due ai quindici giorni di sospensione dall’attività parlamentare. Nei prossimi giorni verranno ascoltati gli oltre 40 deputati, per la maggior parte di M5S, alcuni anche di Sel e Fratelli d’Italia, coinvolti nella vicenda e negli episodi del 24 gennaio, per il sit-in durante le votazioni nominali dello stesso decreto, e per l’occupazione dei banchi del 4 dicembre scorso. Indipendentemente dal periodo di sospensione ai deputati sarà comunque permesso di prendere parte ai lavori di discussione della riforma elettorale previsti per l’11 febbraio.

Anche il questore Dambruoso è finito nel rapporto dei colleghi Fontana e Fontanelli per il famigerato pugno alla deputata grillina Lupo, definito come «estraneo alla funzione da questi ricoperte», viene descritto minuziosamente nei fatti come tutto il resto accaduto in aula: «nell’intento di allontanare la deputata Lupo» dal banco del governo «protendeva il braccio destro colpendola con la mano tra il collo e il volto e sospingendola al centro dell’emiciclo. Ne nasceva un diverbio, durante il quale Dambruoso respingeva per due volte la deputata con le mani, mentre un assistente parlamentare si frapponeva trai due deputati».

Di

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

Premio Borsellino, sezione Giustizia e Legalità, conferito al sindaco di Palermo Lagalla

5 dicembre 2022, Commenti disabilitati su Premio Borsellino, sezione Giustizia e Legalità, conferito al sindaco di Palermo Lagalla

Sciolti per mafia i comuni di Anzio e Cosoleto, commissariato Nettuno

23 novembre 2022, Commenti disabilitati su Sciolti per mafia i comuni di Anzio e Cosoleto, commissariato Nettuno

Succede qualcosa a sinistra?

21 novembre 2022, Commenti disabilitati su Succede qualcosa a sinistra?

Muri, barriere e filo spinato, tra speranza e disumanità organizzata

18 novembre 2022, Commenti disabilitati su Muri, barriere e filo spinato, tra speranza e disumanità organizzata

un latitante in cambio delle riforme del codice penale

14 novembre 2022, Commenti disabilitati su un latitante in cambio delle riforme del codice penale

Video

Service Unavailable.