Pubblicato: mer, 26 Mar , 2014

FS: Investimenti per 24 miliardi

Presentato piano di investimento di Ferrovie delle Stato, previsti investimenti sulla rete e potenziamento dell’alta velocità e del trasporto su gomma

tav-2

Torna a rilasciare dichiarazioni l’amministratore delegato di Ferrovie dello stato Mauro Moretti, questa volta non hanno nulla a che fare con la querelle dei giorni scorsi avuta con il premier Renzi, in merito agli spropositati stipendi dei manager pubblici. Si parla di investimenti, ammodernamento della rete e potenziamento dei servizi offerti. Un’ambizioso piano industriale che prevede un aumento progressivo dei fatturati del 3,5% annuo con conseguenti ricadute positive sul risanamento delle casse del gruppo e il potenziale potenziamento dei servizi offerti.

I numeri

Come anticipato verranno stanziati 24 miliardi di cui solo 8,5  provenienti dalle casse di Fs, la restante quota di 15 miliardi verrà versata dallo stato, nel dettaglio: «Gli investimenti previsti nel Piano assommano a poco meno di 24 mld di euro, di cui oltre 8,5 in autofinanziamento/debito. Di questi 6,4 mld destinati a treni e tecnologie a servizio dei business, per migliorare lacustomer experience, e 1,7 mld alla rete AV/AC. Circa 15 mld sono legati al Contratto di Programma tra Stato e RFI per il mantenimento degli standard di sicurezza sull’intero network e il potenziamento della rete convenzionale, con significativi interventi sulle infrastrutture nei nodi metropolitani, a vantaggio del trasporto locale, e sui Corridoi TEN-T (Trans-European Networks – Transport) definiti dall’Unione Europea, con particolare riferimento al SUD Italia (Napoli – Bari, Salerno – Reggio Calabria, Sicilia). La conferma dei trasferimenti è subordinata alle decisioni che il Governo assumerà nei prossimi anni, in base alle risorse finanziarie disponibili e alle priorità degli interventi da realizzare per il potenziamento infrastrutturale ferroviario del Paese».

Gli aiuti di Stato serviranno a mantenere e potenziare la Rete Ferroviaria italiana (Rfi), cioè la società privata e controllata al 100% da Fs che gestisce in regime di concessione pubblica l’intera rete ferroviaria nazionale. Chissà cosa ne penseranno gli altri concorrenti europei e le autorità di controllo antitrust?

Il presunti benefici

Moretti prevede un aumento dei ricavi fino a 9,5 miliardi di euro, 1,3 in più rispetto agli 8,2 del 2012, l’acquisizione di 50 nuovi convogli Freccia Rossa e il potenziamento del trasporto su gomma. L’importante piano economico dovrebbe tenere conto anche delle esigenze dei pendolari con una somma di 200 milioni stanziata dal tesoro e legata al patto di stabilità, giudicata già ad oggi assolutamente insufficiente, per la serie se da Palermo a Siracusa su un convoglio regionale ci vogliono sei ore su una linea risalente all’era borbonica, poco importa perché tanto da Milano a Roma si viaggia in un batter d’occhio brindando con prosecco e nei lussuosi salottini executive.

Di

Ultime notize

Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

23 luglio 2016, Commenti disabilitati su Europa, la strage degli innocenti. E le “vittime” si fanno carnefici, perchè?

l’eredità delle stragi

24 maggio 2022, Commenti disabilitati su l’eredità delle stragi

40 anni dall’assassinio di Pio La Torre, eliminato dalla mafia

30 aprile 2022, Commenti disabilitati su 40 anni dall’assassinio di Pio La Torre, eliminato dalla mafia

Memoria e Storia : breve guida per capire il presente

23 aprile 2022, Commenti disabilitati su Memoria e Storia : breve guida per capire il presente

Generazioni che si ipotecano il futuro

4 aprile 2022, Commenti disabilitati su Generazioni che si ipotecano il futuro

Bavaglio a magistrati e al diritto di informazione

1 aprile 2022, Commenti disabilitati su Bavaglio a magistrati e al diritto di informazione

Video

Service Unavailable.